Home / Salute / Ti svegli di notte e non riesci più a dormire? Ecco come riaddormentarti!

Ti svegli di notte e non riesci più a dormire? Ecco come riaddormentarti!

svegliarsi di notteUltimamente ti svegli di notte e non riesci più a dormire le tue solite 8 ore di fila? Non preoccuparti! Capita a tutti prima o poi di soffrire d’insonnia. A volte facciamo fatica a prendere sonno alla sera, girandoci e rigirandoci nel letto. Altre, invece, ci addormentiamo non appena mettiamo la testa sul cuscino, ma ci svegliamo dopo poche ore nel cuore della notte. A disturbare il nostro sonno sono l’ansia, i brutti pensieri, le preoccupazioni, le mille cose da fare il giorno dopo. Questo tipo di insonnia si chiama insonnia del mantenimento del sonno. Capita anche quando al mattino ti svegli troppo presto e non riesci più a riaddormentarti.

Per fortuna i disturbi del sonno in molti casi si possono curare facilmente. A volte basta semplicemente seguire una routine che concili un buon riposo. Un po’ come ogni mattina ci laviamo per essere sempre puliti e profumati, anche per tornare a dormire bene dobbiamo prendere delle buone abitudini e osservarle ogni giorno.

Ma bando alle chiacchiere. Sei qui per scoprire come riaddormentarti quando ti svegli di notte e non riesci più a dormire. Ti aiuteremo con i consigli della dottoressa Dorothy Bruck, psicologa del sonno presso la Sleep Health Foundation australiana.

Intervistata dal sito Coach, la Bruck innanzitutto ci spiega perché a volte ci risvegliamo nel cuore della notte anche se siamo stanchi:

Durante il giorno accumuliamo la pressione del sonno e di sera siamo spesso stanchi, ecco perché non abbiamo difficoltà ad addormentarci. Ma durante la notte quella pressione viene a mancare e se siamo un po’ su di giri o eccitati per qualcosa ci risvegliamo facilmente.

Consigli per riaddormentarsi facilmente

Ecco i consigli della psicologa per tornare a dormire per tutta la notte senza interruzioni.

Non andare a letto troppo presto

Spesso pensiamo che andare a dormire prima possa risolvere il nostro problema dei risvegli notturni. In realtà stare troppe ore nel letto non fa che peggiorare la situazione. Molte persone non hanno bisogno di dormire 10-12 ore a notte, gliene bastano 7-8. Ecco perché se vai a dormire alle dieci di sera, poi ti svegli all’alba e non riesci più a riaddormentarti.

Se devi svegliarti alle 7, spiega la Bruck, non andare a dormire prima di mezzanotte. In questo modo riuscirai a dormire più ore di fila. Dopo qualche giorno, ogni sera inizia ad andare a dormire sempre prima, fino a quando non avrai trovato il tuo equilibrio.

Durante il giorno stancati e rilassati

Se ti svegli nel cuore della notte, probabilmente sei una delle milioni di persone che soffrono di ansia e stress. Durante il giorno adotta delle buone abitudini per evitare di portare le preoccupazioni in camera da letto. Ad esempio fai esercizio fisico, così migliorerai l’umore e sarai più stanco alla sera.

Trova un po’ di tempo per stare all’aria aperta ed esporti alla luce del sole. Ritagliati anche solo 10 minuti al giorno per rilassarti, respirare lentamente o meditare.

Non guardare l’ora

Ti è capitato di svegliarti nel cuore della notte e accorgerti che erano ancora le 3? Dopo un’ora hai guardato di nuovo la sveglia sul comodino e ti sei accorto che erano solo le 4. In tutto questo tempo hai pensato di essere rimasto sveglio. Sbagliato! Probabilmente ti sei riaddormentato e svegliato di nuovo dopo un’ora. Questo perché a volte abbiamo il sonno leggero, ci svegliamo e ci riaddormentiamo di continuo. Oppure siamo in uno stato di dormiveglia e crediamo di essere completamente svegli.

In ogni caso, la dottoressa Bruck non ha dubbi: non guardare l’ora. Non farai altro che sentirti in colpa perché sei sveglio nel mezzo della notte. E il senso di colpa non ti farà certo riaddormentare!

Lascia le preoccupazioni fuori dalla camera da letto

Se sei preoccupato per i debiti o per il lavoro, non portare a letto queste preoccupazioni. Andresti mai a dormire con qualcuno che parla per tutta la notte o ti sveglia urlandoti contro? No, esatto. Durante il giorno, trova qualche minuto per aggiornare il tuo diario delle preoccupazioni. Scrivi nero su bianco cosa ti preoccupa in una colonna e alla colonna accanto elenca le possibili soluzioni.

Ti senti stressato a lavoro? Potresti chiedere una mano a un collega, prendere un giorno di ferie, oppure smetterla di pretendere la perfezione da te stesso quando sei troppo stanco.

Lascia il diario dei brutti pensieri fuori dalla camera da letto.

Se le preoccupazioni ti svegliano, ricorda a te stesso che hai riservato un momento durante il giorno per pensare a ciò che ti fa stare male e a come risolverlo. Non occorre che ci pensi alle due del mattino. Anche perché le soluzioni che ti vengono in mente nel cuore della notte, quando non sei lucido e sei morto di sonno, non sono quasi mai quelle migliori.

Non guardare la tv e non usare dispositivi elettronici a letto

Tv, smartphone, computer e tutti i dispositivi elettronici dotati di uno schermo emettono una luce blu che sopprime la melatonina. Questo ormone che regola il sonno ha un picco nelle ore serali. Ma se di sera ci esponiamo alla luce degli schermi, i livelli di melatonina scendono e avremo un sonno disturbato. Per questo motivo, se proprio devi guardare la tv o usare il telefonino a letto, attiva la modalità notturna sullo schermo in modo che emetta luce rossa.

Conta e respira lentamente

Per distrarti dalle tue preoccupazioni e tornare a dormire, prova a contare fino a 10 lentamente e quando hai finito ricomincia da zero. Pensa a ogni numero e assegnagli a ogni seria da 10 un colore diverso. Visualizzalo nella tua mente per tenerti occupato.

Mentre conti, respira lentamente usando la pancia. Ti aiuterà a rilassarti e a riaddormentarti più facilmente.

Speriamo che questi consigli ti aiutino a dormire meglio. In ogni caso, non angosciarti. Capita a tutti prima o poi di avere notti insonni. Ricordati sempre che il tuo corpo è programmato per dormire. Non stressarti e non sentirti in colpa quando ti svegli. Se segui queste semplici regole e buone abitudini e sei paziente, presto tornerai a crollare dal sonno alla sera e a dormire un sonno tutto intero, senza improvvisi risvegli.

Se vuoi altri consigli per dormire bene, leggi anche il nostro approfondimento sui rimedi naturali contro i disturbi del sonno. Abbiamo trovato utile anche questo approfondimento del Corriere che ha intervistato il professor Luigi Ferini Strambi, direttore del Centro di Medicina del sonno del San Raffaele di Milano. Alla prossima dalla redazione di M’informo Salute!

 

Potrebbe interessarti anche:

tatuaggio pelle che prude

Prurito dopo un tatuaggio: ecco perché la pelle prude e cosa fare

Hai fatto un tatuaggio e la pelle ti prude? Ecco da cosa dipende il prurito nell'area tatuata e cosa fare per alleviarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.