Home / Attualità / Risparmiare su luce e gas, ecco come fare

Risparmiare su luce e gas, ecco come fare

risparmiare su luce e gas

Il 2018 si è aperto con un’ondata di rincari che ha colpito direttamente la bolletta delle famiglie italiane. Ad annunciarlo è stata l’AEEGSI, che ha dichiarato un aumento di più del 5% su luce e gas nel primo trimestre di quest’anno. Una doccia fredda per tutti coloro che ogni giorno devono fare i conti con i consumi della propria casa e che si domandano se, nonostante tutto, sia davvero possibile risparmiare.

La risposta è si!

Basta adottare qualche semplice accorgimento, che permette di ridurre gli sprechi e tenere da parte qualche euro in più.

Le cinque buone abitudini da adottare

  1. Ridurre i consumi non necessari. Spegnere le luci quando non servono o abbassare il riscaldamento di anche solo 1 grado permette di avere un risparmio di circa il 6% sui consumi totali della casa. Inoltre una scelta di questo tipo è green e ecologica, poichè riduce le emissioni inquinanti.
  2. Effettuare spesso l’autolettura. Se ancora non si ha il contatore elettronico, l’autolettura è importantissima perché evita rincari inutili. Il gestore luce e gas, infatti, quando non riceve i dati dai propri utenti stabilisce l’importo in bolletta tramite una stima generale dei consumi, che spesso è superiore rispetto ai consumi effettivi.
  3. Controllare attentamente la bolletta. Per capire dove è possibile risparmiare, bisogna prima accertarsi dell’ammontare totale della propria tariffa, registrata in bolletta. Conoscere i propri consumi con precisione è il primo passo per cercare soluzioni più convenienti alla propria situazione familiare.
  4. Scegliere il mercato libero. Da luglio 2019 verrà abolito il servizio di maggior tutela, che garantiva una tariffa fissa decisa dall’AEEGSI. Verrà integrata una tariffa di sostituzione, che però sarà decisamente più cara delle tariffe flessibili offerte dai gestori luce e gas presenti sul mercato. Passando al mercato libero invece si possono cercare tariffe più convenienti, magari bloccate per un anno o più a seconda del gestore scelto.
  5. Trovare la tariffa giusta per ogni esigenza. Monoraria o bioraria, residente o domiciliata, omnicomprensiva o placet: esistono tantissime tariffe differenti offerte da altrettanti gestori tra cui scegliere. Un metodo efficace di risparmio è quello di confrontarle tra di loro e questo si può fare in modo veloce e gratuito affidandosi al giusto sito di comparazione tariffe luce e gas.

Non perdere tempo, inizia a risparmiare subito confrontando gratis le migliori offerte luce e gas disponibili sul mercato!

Potrebbe interessarti anche:

congedo di paternità

Congedo di paternità: come funziona in Italia e all’estero

Due giorni in Italia, 90 in Svezia, zero in Francia: Paese che vai, congedo parentale che trovi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.