Home / Animali / Cani / Vomito giallo nel cane: da cosa è causato e cosa fare

Vomito giallo nel cane: da cosa è causato e cosa fare

vomito giallo nel cane causeIl vomito giallo nel cane è un segnale spia della presenza di bile. Questa sostanza viene prodotta dal fegato, immagazzinata nella cistifellea e rilasciata nel piccolo intestino del cane per facilitare la digestione.

Quando il vomito del vostro cane assume un colore giallo e un aspetto schiumoso, vuol dire che il suo stomaco è vuoto e la bile lo sta irritando.

A soffrire della sindrome del vomito biliare sono soprattutto le razze di cane che hanno lo stomaco delicato. Tra queste il bulldog, il barboncino, i toy e il retriever.

Le cause del vomito giallo e schiumoso nel cane

Il vomito biliare è causato dalla fuoriuscita della bile nello stomaco. Questo avviene quando il cane è a digiuno da molto tempo. Oppure quando ha mangiato troppi cibi grassi, molta erba o ha bevuto grandi quantità di acqua.

Le cause del vomito giallo nel cane sono tante:

  • L’ingestione di sostanze irritanti. In questo caso noterete che nel vomito, oltre alla schiuma gialla, c’è dell’altro. Ad esempio potreste notare dell’erba. Se il problema è l’ingestione di erbacce, sarà sufficiente tenerlo lontano dal prato per un po’ e vedere se smette di vomitare bile ed erba.
  • malattie del fegato;
  • infezioni causate da parassiti;
  • stress;
  • effetti collaterali dei farmaci;
  • allergie alimentari. I cibi più a rischio sono carne bovina, latticini, cereali, uova, pollo, agnello, soia, coniglio, pesce, carne di maiale. I cani spesso sviluppano un’allergia tra 1 e 5 anni di vita, soprattutto quando viene introdotto nella dieta un nuovo alimento. Altre volte, però, possono sviluppare allergie anche a cibi che mangiano da una vita, magari a seguito di un forte stress, come un trasloco o cambiamenti importanti nel loro ambiente.
  • cancro;
  • malattie infiammatorie;
  • tossine;
  • pancreatite causata dall’ingestione di cibi grassi e unti. In questo caso il vomito si manifesterà 24-48 ore dopo la scorpacciata e sarà accompagnata da mal di stomaco e diarrea;
  • cambiamenti della dieta avvenuti all’improvviso, senza dargli il tempo di adattarsi al nuovo cibo;
  • ostruzione causata dall’ingestione di corpi estranei, ad esempio un calzino o una palla di pelo. Il cane oltre a vomitare bile apparirà privo di energia e avrà un forte mal di pancia. In questo caso è necessario intervenire al più presto con un’endoscopia o un intervento chirurgico per rimuovere l’oggetto ingerito dal cane.

 

Cosa fare in caso di vomito giallo nel cane

In caso di vomito giallo valutate se sono presenti altri sintomi. Se il vostro cane mangia normalmente e non ha la diarrea, la dottoressa Mary Fuller Dvm di Vetstreet.com consiglia di ridurre il tempo tra un pasto e l’altro. In questo modo il suo stomaco resterà pieno più a lungo.

Questo consiglio è valido soprattutto quando il cane vomita al mattino, dopo essere stato a digiuno per tutta la notte.  Attenzione, questo non vuol dire ingozzarlo di cibo. Bisogna semplicemente dividere il pasto principale in due o tre pasti più piccoli, per farlo mangiare con maggiore frequenza.

La dieta per un cane che vomita spesso bile dev’essere ricca di fibre e povera di grassi, con cibi facili da digerire.

Quando contattare il veterinario in caso di vomito giallo

Dovete contattare il veterinario se oltre al vomito giallo, notate altri sintomi come la perdita di appetito, la diarrea o letargia, cioè la mancanza di energia. Anche se gli occhi del cane, la pelle e le gengive assumono un colorito giallo, è bene prenotare una visita dal veterinario per escludere problemi di salute più gravi.

Se notate che nel vomito giallo c’è dell’altro, prelevate un campione per farlo analizzare al medico. Se il cane vomita spesso bile è molto importante individuare la causa e trovare un rimedio. Questo perché la bile è una sostanza acida molto corrosiva, che può causare delle ulcere nell’esofago del cane.

Per saperne di più leggete anche gli altri approfondimenti sul vomito nel cane:

 

Potrebbe interessarti anche:

olio di oliva nella dieta del cane

Olio d’oliva nella dieta dei cani: quando fa bene e quando è meglio evitarlo

L'olio d'oliva fa bene ai cani, a patto di darglielo nelle dosi giuste per il suo peso e di applicarlo correttamente sul pelo. Ecco come regolarti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.