Home / Salute / Alimentazione / Dieta Lemme: perdita di peso e rischi della filosofia alimentare

Dieta Lemme: perdita di peso e rischi della filosofia alimentare

spaghetti dieta lemmeLa dieta Lemme è un metodo dimagrante ideato dal dottor Alberico Lemme, un farmacista specializzato in consulenza alimentare. Fondatore dell’Accademia di Filosofia Alimentare, Lemme promette di far perdere dai 7 ai 10 chili al mese mangiando a sazietà.

La sua dieta si propone come una rivoluzione alimentare, che intende sconvolgere i pilastri della dietologia ufficiale. La dieta Lemme è diventata famosa perché seguita da diversi vip: da Flavio Briatore, che ha perso 17 chili, a Simona Tagli, che ne ha persi 24.

La popolarità di questo regime alimentare è dovuta al carisma di Lemme e al fatto che sia facile da seguire, in quanto basata sul consumo di cibi comuni. In questo approfondimento vedremo come funziona la dieta Lemme, quanti chili fa perdere e quali sono le controindicazioni.

I principi base della filosofia alimentare Lemme

La filosofia alimentare del dottor Alberico Lemme si basa sulla biochimica. I principi base del metodo dimagrante danno molta importanza a:

  • composizione chimica degli alimenti;
  • indice glicemico dei cibi;
  • enzimi;
  • associazione tra i cibi;
  • orari dei pasti.

Le calorie sono una bufala

Secondo Lemme è ora di scardinare alcuni principi su cui si basano gran parte delle diete. Primo tra tutti il conteggio delle calorie. Per Lemme le calorie sono una bufala, perché servono solo a misurare l’energia termica, senza avere nulla a che fare con l’alimentazione.

I grassi non fanno ingrassare

Un’altra piccola grande rivoluzione portata avanti dal farmacista riguarda i grassi. La teoria di Lemme è che i grassi non fanno ingrassare.

No a sale, zucchero, pomodori e frutta

Per i chili di troppo secondo Lemme bisogna condannare il sale. Infatti la sua dieta comprende cibi senza sale aggiunto.

Anche lo zucchero non rientra nella dieta, perché secondo Lemme fa aumentare la pressione. Condannati anche i pomodori e la frutta, che per il farmacista brianzolo aumenterebbero i livelli di colesterolo.

I benefici della dieta Lemme… secondo Lemme

Secondo il dottor Lemme adottare la sua filosofia alimentare permette di ottenere non solo risultati veloci nella perdita di peso, ma molti benefici per la salute:

  • Perdere dai 7 ai 10 chili al mese, mangiando a sazietà.
  • Dormire meglio, grazie a un sonno più regolare.
  • Sentirsi pieni di energie.
  • Dimagrire nei punti desiderati.
  • Migliorare il rapporto con il cibo, eliminando il senso di colpa.
  • Perdere solo il grasso e non la massa muscolare.
  • Diventare più produttivi a lavoro.
  • Aumentare la concentrazione nello studio.
  • Prevenire il diabete di tipo 2, l’obesità, la bulimia, l’ipertensione e le altre malattie causate da una dieta squilibrata.
  • Eliminare la cellulite.
  • Godere di una migliore salute intestinale.

Lo schema della dieta Lemme

Le due fasi della dieta Lemme

La fase di dimagrimento

La dieta Lemme si divide in due fasi. La prima fase è la fase di dimagrimento. Questa fase dura fino a quando non si è raggiunto il peso forma. La sua durata a ogni modo non deve essere mai inferiore a un mese.

Il dottor Lemme ogni due giorni dà al paziente una lista personalizzata dei cibi da mangiare. Il menù della dieta Lemme è costruito ad hoc per ogni paziente. Il menù viene modificato in base alle reazioni metaboliche di ciascuno, che cambiano in base a età, stagione, peso e sesso.

La fase vita

Una volta centrato l’obiettivo di dimagrimento che ci si era prefissati si passa alla fase di mantenimento: la fase vita. In questa fase il menù si arricchisce di tanti altri cibi, in base ai gusti personali.

L’obiettivo della fase di mantenimento è mantenere il peso forma, senza rinunce e mangiando quasi di tutto con gusto. In questa fase vengono fornite le ricette da preparare con ingredienti comuni.

Come seguire la dieta Lemme

La dieta Lemme prevede diverse varianti:

  • vegetariana con pesce;
  • vegetariana;
  • vegana;
  • vegetariana con carne;
  • onnivora.

Esempio di menù della prima fase della dieta Lemme

Il dottor Lemme crea uno schema alimentare personalizzato per ogni paziente. In base alle regole previste dal metodo non è possibile ripetere uno schema giornaliero per più di due volte in una settimana. A titolo di esempio il menù della prima fase nella giornata tipo di un onnivoro potrebbe includere:

  • colazione: spaghetti aglio, olio e peperoncini seguiti da un caffè amaro;
  • pranzo: petto di pollo;
  • cena: orata.

Esempio di menù della fase di mantenimento della dieta Lemme

Nella fase di mantenimento il menù di una giornata potrebbe prevedere:

  • Colazione: braciole di maiale e caffè amaro;
  • Spuntino: limone intero senza buccia;
  • Pranzo: petto di pollo;
  • Merenda pomeridiana: tè verde amaro;
  • Cena: pesce spada.

I libri sulla dieta Lemme

Ci sono diversi modi per seguire la dieta Lemme. Per conoscere questa filosofia alimentare è possibile leggere i tre libri pubblicati dal dottor Alberico Lemme: L’uomo che sussurrava ai ciccioni; La rivoluzione dimagrante; La dieta Lemme.

Prendere appuntamento con il dottor Lemme

Il consulente alimentare riceve su appuntamento nel suo studio a Desio, in provincia di Monza e Brianza. Per contattarlo, per prendere appuntamento o per richiedere una consulenza telefonica, bisogna chiamare il numero 0362.304161.

L’app Rivoluzione dimagrante

La sua dieta si può seguire anche scaricando l’app Rivoluzione dimagrante, che permette di ricevere sullo smartphone i menù personalizzati del dottor Lemme. Il costo per 30 giorni di consulenza via app è di 87 euro.

L’accademia di cucina del dottor Lemme

È possibile inoltre seguire i corsi dell’accademia di cucina del dottor Lemme per imparare a cucinare le ricette della dieta Lemme. Anche l’accesso ai corsi di cucina avviene su selezione.

I pasti Lemme a domicilio

L’accademia ha messo a disposizione dei servizi di pasti a domicilio, che consegnano piatti pronti cucinati secondo la filosofia alimentare Lemme.

Quanto costa la dieta Lemme

Anche se la dieta Lemme si basa su cibi comuni, facili da trovare al supermercato, i costi dei menù proposti non sono affatto economici. Questo perché nei menù ci sono molte proteine, come carne e pesce, che hanno prezzi più alti di frutta e verdura.

Questi cibi possono essere consumati a sazietà, per questo motivo il costo della dieta Lemme è alto. Fare la spesa per la prima fase costa almeno 250 euro al mese.

A questi costi si aggiungono:

  • i 200 euro della prima visita dal dottor Lemme;
  • il costo dei suoi libri, la cui lettura è vivamente consigliata dall’autore stesso;
  • l’abbonamento mensile all’applicazione, al prezzo di 87 euro.

Un mese di dieta Lemme mediamente può arrivare a costare 600 euro.

Alimenti consentiti nella dieta Lemme

La dieta Lemme si basa soprattutto su pasta, carne, soprattutto pollo e tacchino, e pesce. La pasta si mangia al mattino, mentre carne e pesce alla sera. L’unico formato di pasta consentito sono gli spaghetti. Questo perché, secondo Lemme, rispetto ad altri formati di pasta, gli spaghetti sarebbero più assimilabili e avrebbero un picco glicemico inferiore.

La verdura è consentita solo nella seconda fase e nella versione vegetariana e vegana della dieta. Tra le verdure consentite ci sono asparagi, carciofi e spinaci.

I condimenti permessi sono l’olio extravergine d’oliva e il burro di alta qualità, ottenuto da centrifugazione del latte a bassa temperatura. Tra i dolcificanti è ammesso il fruttosio.

Le bevande ammesse nella dieta Lemme sono il caffè amaro; il e il tè verde amaro non aromatizzati.

Tra i frutti è concesso il limone, da consumare a spicchi e senza buccia a merenda. Sono inoltre ammessi anche cipolle, aglio, peperoncino e tutte le altre spezie ed erbe, uova, cibi surgelati senza sale e zuccheri aggiunti, crusca e funghi. Tra i metodi di cottura è permessa anche la frittura.

Cibi vietati nella dieta Lemme

I cibi vietati nella dieta Lemme sono:

  • sale, che non si può usare nemmeno nell’acqua della pasta;
  • zucchero;
  • verdura (nella prima fase della dieta per onnivori);
  • dolci;
  • frutta;
  • cibi in scatola;
  • dolcificanti;
  • cibi light;
  • prodotti omeopatici;
  • latte;
  • integratori;
  • dadi;
  • aceto;
  • vino, che non si può usare nemmeno per cucinare.

Dieta Lemme: le regole da seguire

Nei suoi libri il dottor Lemme fissa alcune regole che bisogna seguire per assicurare l’efficacia della dieta:

  • Non saltare mai gli spuntini, uno a metà mattina e uno a metà pomeriggio. Per merenda Lemme consiglia di mangiare un limone senza buccia a spicchi, seguito (e mai preceduto) da un tè amaro, non deteinato e non aromatizzato.
  • Rispettare questi orari per i pasti: colazione entro le 9; pranzo tra le 12 e le 14; cena tra le 19 e le 21.
  • Il caffè va bevuto sempre amaro. Si può bere caffè amaro dopo colazione, dopo pranzo e altre due volte massimo nel corso della giornata.
  • No al digiuno.
  • Non fare attività fisica nella prima fase della dieta.

La dieta Lemme fa dimagrire?

Secondo il dottor Lemme mediamente si possono perdere 7-10 chili al mese. La dieta Lemme fa dimagrire come molti regimi iperproteici e tante diete di moda basate su cibi vietati e cibi consentiti. Eliminare completamente zucchero e sale dall’alimentazione causa una riduzione drastica delle calorie. Inoltre mangiando la pasta solo al mattino, gli altri due pasti principali, pranzo e cena, sono per forza di cose più leggeri.

Nella prima fase della dieta si eliminano quasi del tutto i carboidrati: è questo che produce il dimagrimento. Inoltre dopo un po’, mangiare carne e pesce a volontà stufa, portando le persone a mangiare di meno a causa della noia dovuta a pochi alimenti nella dieta.

Testimonianze dei vip

Tra le testimonianze dei vip che hanno seguito la dieta, Flavio Briatore sostiene di aver perso 17 chili; l’ex soubrette Simona Tagli, ne avrebbe persi 24. Anche Manuela Arcuri è una cadetta testimonial del metodo dimagrante. La cantante Arisa invece sostiene di essere svenuta a causa della dieta e di aver chiesto la restituzione dei soldi.

Le opinioni sulla dieta Lemme

Online si trovano diverse opinioni sulla dieta Lemme. Sul sito ufficiale sono riportate solo le testimonianze di chi ne è entusiasta perché è riuscito a perdere peso. Ma anche su altri siti non ufficiali c’è chi sostiene di aver perso 27 kg in 6 mesi.

Molti sostengono che si tratti di una dieta facile da seguire dal punto di vista psicologico, perché permette di mangiare a volontà. Tra le critiche lette sui forum c’è la rapida ripresa dei chili persi con la dieta. Altri lamentano stitichezza.

Non mancano tante persone che si scagliano contro i sostenitori della dieta, accusati di pubblicizzare il regime e che la dieta sia solo una trovata di marketing.

I rischi della dieta Lemme

L’eliminazione di sale e zucchero può provocare effetti collaterali come:

  • debolezza;
  • capogiri;
  • svenimenti;
  • cali di pressione.

Altri rischi della dieta Lemme sono a carico del fegato e dei reni, affaticati da una dieta con troppe proteine.

Inoltre chi non è abituato a mangiare tanto al mattino, potrebbe avere problemi digestivi quando mangia pasta a colazione o peggio braciole di maiale, senza nemmeno preoccuparsi delle porzioni come suggerito dalla dieta. Consumare ad esempio 400 grammi di spaghetti appena svegli non è il massimo per l’apparato digerente.

Un altro rischio associato alla dieta è la carenza di vitamine, sali minerali e fibre, causata dal divieto di consumare frutta e verdura.

Le controindicazioni della dieta Lemme

La dieta è controindicata in gravidanza. Inoltre i medici consigliano a tutti i pazienti, soprattutto obesi e diabetici, di effettuare le analisi del sangue prima di seguire qualsiasi dieta.

Le critiche al dottor Lemme

Lemme è un personaggio molto discusso per il suo linguaggio colorito. Spesso è stato un controverso ospite di programmi televisivi molto seguiti, da Domenica Live condotto da Barbara d’Urso, a Porta a Porta, il talk show di Bruno Vespa. In molti reputano irrispettosi e inappropriati gli aggettivi con cui si rivolge alle persone sovrappeso, definite ciccioni e grassoni.

Sul suo stesso sito, quando si compila il test per passare la selezione ed essere ammessi come cadetti alla sua accademia non mancano le parolacce. Ad esempio, si afferma che in caso non si seguano le regole si resterà ciccioni per sempre e ci si sarà meritati tre vaiaquelpaese gratis.

Inoltre, tra i medici e i nutrizionisti c’è un certo malcontento, perché Lemme sul suo sito sostiene che l’attuale dietologia sia fondata su errori. Affermazioni ritenute da molti esperti arroganti e presuntuose, alla luce della mancanza di studi scientifici sul suo metodo.

Il farmacista reputa il suo metodo l’unico in grado di far dimagrire le persone e lo riserva alle menti evolute, lasciando intendere che tutti gli altri siano arretrati.

Il parere dei medici sulla dieta Lemme

Altre critiche mosse da diversi medici al dottor Lemme e alla sua dieta riguardano:

  • La demonizzazione di frutta e verdura.
  • L’esaltazione delle proteine e dei grassi.
  • Il divieto di fare attività fisica nella prima fase del programma dimagrante.
  • Il fatto che segua personalmente i pazienti, ammettendo pochi eletti al suo metodo. In molti si chiedono: se davvero questo metodo è così miracoloso e salutare, perché non renderlo disponibile a tutti?
  • L’abolizione di sale e zucchero a lungo andare può portare a stufarsi di mangiare sempre insipido, spingendo le persone a mollare la dieta e abusare di cibi salati e zuccherati per compensare le settimane di privazioni.
  • La mancanza di studi scientifici a sostegno dell’efficacia della dieta.
  • Aver creato una sorta di setta alimentare, in cui i pazienti vengono definiti cadetti.
  • Affermazioni pericolose, come il fatto che la frutta e la dieta mediterranea alimentino il cancro. Credenze che sono sconfessate da centinaia di studi scientifici.
  • Perdere peso in fretta rallenta il metabolismo per sempre, esponendo al rischio di obesità.
  • Essere offesi per il proprio aspetto fisico nei soggetti più fragili può causare calo di autostima, depressione, anoressia e bulimia.

E voi, cari lettori, avete provato la dieta Lemme? Cosa ne pensate? Se vi va riportate la vostra testimonianza nei commenti. Le vostre opinioni aiuteranno altri lettori a valutare questo metodo dimagrante.

Foto: Pixabay

Potrebbe interessarti anche:

non riuscire a dimagrire donna dieta bilancia

12 sorprendenti ragioni per cui non riesci a dimagrire anche se sei a dieta

Sei a dieta da giorni e ti alleni regolarmente, ma non riesci a perdere peso? Ecco 12 sorprendenti ragioni per cui non riesci a dimagrire.

2 commenti

  1. un metodo che mi ha fatto perdere 1o kg in un mese!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.