Home / Ambiente / Incentivi giardini 2018: come richiedere il bonus verde del 36%

Incentivi giardini 2018: come richiedere il bonus verde del 36%

incentivi giardino 2018Gli incentivi per giardini, balconi e terrazzi approvati dalla Legge di Bilancio 2018 permettono a condomini e privati di ottenere importanti detrazioni fiscali sulle aree verdi. Il bonus verde si applica alle spese di realizzazione e manutenzione delle aree verdi private e condominiali. Chi spende per curare il giardino o il terrazzo potrà detrarre dalle tasse il 36% dei costi sostenuti: dall’acquisto di piante alle fioriere.

Bonus verde: la spesa massima detraibile

La spesa massima detraibile dall’IRPEF lorda è di 5 mila euro. Chi spende questo importo per rinnovare il giardino potrà detrarre dalle tasse ben 1.800 euro. La detrazione fiscale non avverrà in un’unica soluzione, ma in dieci rate annuali. Per fare un esempio: nel caso in cui si abbia diritto a 1.800 euro di agevolazioni, verranno scalati ogni anno 180 euro a partire dal primo anno di dichiarazione dei redditi e per i successivi 9 anni.

Interventi ammessi agli incentivi giardini 2018

In base all’articolo 1, commi da 12 a 15 della legge 205/2017 gli interventi di sistemazione a verde ammessi agli incentivi sono:

  • giardini pensili;
  • tetti verdi;
  • giardini privati;
  • recinzioni;
  • pozzi;
  • impianti di irrigazione;
  • spese di progettazione dei giardini e dei terrazzi;
  • costi di manutenzione delle aree verdi;
  • piante, alberi, semi, fertilizzanti;
  • fioriere.

Chi può richiedere il bonus verde

Il bonus verde 2018 può essere richiesto solo dai proprietari dell’immobile. L’edificio dev’essere adibito a uso abitativo. Potranno dunque detrarre le spese i proprietari di ville e appartamenti che hanno un terrazzo o un giardino.

Le spese potranno essere detratte solo se tracciabili. Per questo motivo è importante pagare i costi del giardinaggio tramite bonifico bancario o postale. Per richiedere il bonus non è necessario presentare alcuna domanda: sarà sufficiente documentare le spese sostenute in sede di dichiarazione dei redditi.

Gli incentivi giardinaggio potranno essere richiesti anche per gli interventi effettuati sulle aree comuni condominiali. Resta anche in questo caso il limite di spesa massima detraibile di 5 mila euro per abitazione. La spesa massima in questo caso va moltiplicata per il numero di unità abitative. Ad esempio se nello stabile ci sono 12 appartamenti il condominio potrà detrarre 5 mila euro moltiplicato per 12, cioè 60 mila euro.Il singolo condomino potrà scaricare dalle tasse la quota che ha versato al condominio per i lavori sulle aree verdi comuni.

I chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate sul bonus verde

Edifici a uso promiscuo

Attenzione: se effettuate interventi su abitazioni a uso promiscuo, sia residenziale che commerciale, il bonus per i giardini verrà dimezzato. In questo caso, dunque, si potrà detrarre dall’IRPEF lorda solo il 18% delle spese.

Immobili soggetti a vincolo del Codice dei beni culturali e del paesaggio

In caso gli interventi vengano effettuati su immobili soggetti a vincolo del Codice dei beni culturali e del paesaggio la detrazione potrà essere cumulate con quelle già previste. In questo caso però queste verranno ridotte del 50%.

Cessione del bonus fiscale in caso di vendita o eredità dell’immobile

L’Agenzia delle Entrate in una nota su Fisco Oggi chiarisce, inoltre, che in caso di vendita dell’immobile il bonus fiscale potrà essere ceduto al nuovo proprietario di casa. Lo stesso vale in caso di decesso del proprietario: gli eredi potranno detrarre i costi sostenuti per i rimanenti periodi d’imposta.

Coldiretti: il bonus verde è un’ottima misura antismog

La speranza è che questa misura serva ad aumentare le aree verdi in città. Il verde urbano oggi stando ai dati ISTAT è appena il 2,7% del territorio dei capoluoghi di provincia, pari a oltre 567 milioni di metri quadrati.

Grazie al bonus verde 2018 le piante in città aumenteranno e gli italiani respireranno un’aria più pulita. A sottolineare i benefici contro lo smog degli incentivi per i giardini 2018 è la Coldiretti:

Una pianta adulta è capace di catturare dall’aria dai 100 ai 250 grammi di polveri sottili, un ettaro di piante elimina circa 20 chili di polveri e smog in un anno.

Questo articolo ti è stato utile? Condividilo per aiutarci a scriverne altri, grazie!
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    4
    Shares

Potrebbe interessarti anche:

piazza san marco

Stop alle Grandi Navi a Venezia dal 2014

Dal prossimo anno accederanno alla Laguna solo navi più piccole ed in numero ridotto.

Lascia un commento

O

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

comments