Home / Salute / Alimentazione / Rischi della dieta tisanoreica: quali sono e come evitarli

Rischi della dieta tisanoreica: quali sono e come evitarli

rischi della dieta tisanoreicaI rischi della dieta tisanoreica, come per qualsiasi altro regime dimagrante veloce, vanno valutati attentamente prima di iniziare a seguire il programma dietetico. Migliaia di persone che l’hanno provata sostengono che la dieta tisanoreica funziona per dimagrire. Tuttavia questa dieta non è per tutti, perché è molto rigida e sovraccarica reni e fegato con un eccesso di proteine.

Per non correre rischi bisogna essere sani come un pesce. La dieta è assolutamente da evitare per chi soffre di malattie renali, patologie cardiache, diabete e malattie del fegato. La dieta tisanoreica inoltre non può essere seguita dalle donne in gravidanza. L’Istituto Superiore di Sanità la sconsiglia anche agli sportivi, agli adolescenti, ai bambini e a chi soffre di malattie della tiroide.

Rischi della dieta tisanoreica: il parere degli esperti

A ricordare i rischi della dieta tisanoreica, sul sito La lettera 43, è la ricercatrice Stefania Ruggeri. L’esperta lavora presso l’INRAN, l’istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione.

Secondo la Ruggeri la dieta tisanoreica fa perdere chili in fretta perché sfrutta la chetosi. Questo processo si attiva quando, eliminando i carboidrati, l’organismo è costretto a bruciare le riserve di grasso per ottenere energia (glucosio).

Tra gli svantaggi, i possibili effetti collaterali e rischi della dieta tisanoreica ci sono:

  • La produzione eccessiva di tossine. Questa dieta infatti è molto ossidante e aumenta la produzione di scorie nell’organismo. Per questo motivo occorre ricorrere alle tisane che facilitano l’eliminazione delle tossine. Le tisane, però, a loro volta non sono esenti da rischi perché potrebbero interagire con i farmaci. Naturale infatti non significa sicuro. Anche le piante officinali hanno controindicazioni.
  • Alitosi.
  • Mal di testa.
  • Stitichezza.
  • Nausea
  • I costi. Per evitare di riprendere peso dopo i 40 giorni si dovrà continuare la dieta tisanoreica. Per prevenire l’effetto yo-yo, ovvero il recupero dei chili persi e il continuo saliscendi della bilancia, si diventerà dipendenti dai prodotti tisanoreici. Con il rischio di spendere un capitale.

Fatevi seguire da un medico!

Per prevenire i rischi della dieta tisanoreica, l’esperta consiglia di rivolgersi al medico prima di iniziare la dieta tisanoreica. Solo il medico curante può infatti certificare che non esistono controindicazioni a questo regime molto rigido. L’ideale è farsi seguire da un esperto durante tutto il percorso.

La ricercatrice infine invita a preferire diete meno rigide, come la dieta mediterranea, che non provocano un dimagrimento dovuto a uno stress metabolico e sono dunque più sane. Per dimagrire e mantenere il peso forma a lungo per l’esperta è meglio:

  • fare attività fisica 30 minuti al giorno (va bene anche una passeggiata);
  • ridurre le calorie, ma senza fare mai la fame;
  • consumare cereali integrali, frutta, legumi e verdure.

Dello stesso parere è anche il professor Luigi Fontana dell’Istituto Superiore di Sanità. L’esperto non parla solo dei rischi della dieta tisanoreica, ma boccia in generale tutte le diete che fanno perdere peso in poco tempo:

Ciò che è necessario è seguire uno stile di vita sano, fatto di cibi equilibrati e molto movimento.

Fonti: Lettera43; Repubblica

Potrebbe interessarti anche:

frutta secca nella dieta

Come inserire la frutta secca nella dieta senza ingrassare

La frutta secca nella dieta ha tanti benefici e non fa ingrassare, a patto di rispettare questi semplici consigli per tagliare le calorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.