Home / Salute / Alimentazione / Cibi del buonumore: studio scopre cosa mangiare in base all’età

Cibi del buonumore: studio scopre cosa mangiare in base all’età

cibi del buonumoreI cibi del buonumore cambiano in base all’età. I giovani adulti (18-29 anni) hanno bisogno di una quantità maggiore di carne (bianca o rossa) per stare bene mentalmente. Superata la soglia dei trent’anni invece sono frutta e verdura a restituirci il sorriso. Sono queste le conclusioni a cui è giunto un recente studio condotto dalla Binghamton University.

Cosa mangiare prima dei 30 anni per migliorare l’umore

I ricercatori, coordinati dalla dottoressa Lina Begdache, hanno analizzato la dieta di un campione di persone di tutto il mondo. Dai dati raccolti con un questionario online anonimo è emerso che i giovani adulti dipendono da cibi che aumentano la disponibilità e la concentrazione dei precursori dei neurotrasmettitori nel cervello. Tra questi la carne.

I giovani che mangiavano carne meno di tre volte alla settimana e facevano esercizio fisico meno di tre volte alla settimana erano più stressati e di malumore. Questo perché il consumo di carne e l’esercizio fisico contribuiscono entrambi alla produzione di serotonina e dopamina, sostanze chimiche che migliorano l’umore.

I cibi del buonumore dopo i 30 anni

Dopo i 30 anni invece i cibi del buonumore cambiano. Gli over 30 infatti sono più dipendenti dagli alimenti ricchi di antiossidanti, come la frutta e la verdura. In questa fascia d’età ci servono più antiossidanti perché aumenta la produzione dei radicali liberi, sostanze che interferiscono con il cervello, aumentando lo stress e il disagio mentale. Secondo questa ricerca, a incidere positivamente sull’umore dopo i 30 anni sono anche alcune buone abitudini alimentari:

  • non saltare la colazione;
  • non abusare di alcolici e sostanze eccitanti come la caffeina e la teina;
  • limitare il consumo di carboidrati con un picco glicemico elevato.

Dopo i 30 anni ridurre il consumo di cibi e bevande che aumentano ansia e nervosismo è importante. Superata questa età infatti la capacità di reagire allo stress e regolarne i livelli diminuisce. Un consumo eccessivo di caffeina e carboidrati semplici fa scattare la reazione umana allo stress, nota come Combatti o fuggi, anche in momenti in cui non è necessaria. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Nutritional Neuroscience.

Fonte: Science Daily

Potrebbe interessarti anche:

carbone attivo

Il carbone attivo fa davvero dimagrire? Cosa dice la scienza

Secondo alcune diete detox di moda il carbone attivo fa dimagrire. Ecco cosa c'è di vero sulle proprietà dimagranti del carbone vegetale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.