Home / Attualità / Politica / Giannino ha mentito sul suo titolo di studi, Zingales esce da “Fare”

Giannino ha mentito sul suo titolo di studi, Zingales esce da “Fare”

oscar giannino

In queste ultime settimane il nuovo partito di Oscar Giannino Fare per fermare il declino stava recuperando terreno e secondo i sondaggisti avrebbe potuto ottenere il numero sufficiente di voti per entrare in Parlamento. Ma proprio a pochi giorni dal voto scoppia lo scandalo che non ti aspetti. Luigi Zingales, uno degli esponenti di punta del partito, docente alla Chicago Booth school of business, ha lasciato il partito. Il motivo? Non vuol stare in un movimento che predica la meritocrazia ma in cui il suo principale esponente dichiara di avere titoli che non ha.

Tutto è cominciato quando pochi giorni fa il noto giornalista, ora leader di Fare, intervistato da Repubblica TV aveva dichiarato di aver preso un master nell’ateneo americano. Oltre a dichiararlo lì, Giannino riportava questo titolo anche sulla pagina corrispondente alla sua biografia sul sito dell’Istituto Bruno Leoni, e questa scelta non è andata giù a Zingales. Non avendo trovato nulla che attesti titoli di Giannino negli archivi della sua università, il docente oggi sulla sua pagina di Facebook ha scritto quanto segue:

Per cambiare l’Italia c’è bisogno anche di rigore nel metodo: onestà, trasparenza, ed accountability, che significa che tutti, a qualsiasi livello, devono rendere conto agli altri del proprio operato. Purtroppo negli ultimi giorni mi sono reso conto che questi tre principi non sempre si applicano al vertice di Fare. Dopo aver provato, per quattro giorni, a fare di tutto per cambiare le cose, non mi resta che una via di uscita: dimettermi.

E poi riferendosi alle informazioni riportate sul sito dell’Istituto, ora rimosse, Zingales ribadisce:

Questo è un fatto grave, soprattutto per un partito che predica la meritocrazia, la trasparenza, e l’onestà.

Inoltre Giannino anziché ammettere l’errore ha risposto come spesso abbiamo visto fare a Silvio Berlusconi in passato, e cioè negando tutto. La risposta del giornalista è stata che lui non sapeva nulla delle informazioni sul suo conto messe in rete, e non ha mai dichiarato di aver preso il master sotto accusa. Le sue parole pronunciate a Repubblica TV però sono ormai scolpite nell’archivio del giornale, e siamo sicuri che continueranno a fare rumore.

Foto: Fare su Facebook

Potrebbe interessarti anche:

dimissioni del sindaco

Dimissioni del sindaco: cosa succede secondo la legge

L'iter previsto dalla legge in caso di dimissioni di un sindaco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.