Home / Ambiente / Vivere a basso impatto / Guida alla scelta di un condizionatore efficiente

Guida alla scelta di un condizionatore efficiente

Se ti piace condividi!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

condizionatore d'aria

La spesa di un condizionatore d’aria è certamente onerosa per molte famiglie. L’intero pacchetto dei vari pezzi (spesso con più split per coprire più stanze) più l’installazione può costare oltre mille euro. Per esperienza personale vi dico che è senza dubbio una spesa che vale la pena di fare, specialmente se vivete in un posto in cui il caldo è insopportabile per più mesi all’anno. Però, trattandosi di un esborso importante, bisogna “spendere bene”. Sul mercato ci sono centinaia di modelli di condizionatore diversi: come fare per scegliere quello giusto? Ecco alcuni aspetti di cui tenere conto per trovare il modello efficiente senza spendere troppo.

Regolamento europeo sull’efficienza dei condizionatori

La Comunità Europea, che da alcuni anni regola ogni aspetto della nostra vita, ha regolato anche il mercato dei condizionatori. Sono stati rilasciati nel corso dell’ultimo decennio circa una serie di regolamenti che le case produttrici devono seguire. Ci sono ad esempio la Direttiva 2005/32/CE; la Direttiva ErP 2009/125/EC (meglio nota come Direttiva EuP); gli aggiornamenti ErP 2016-2018. Per il consumatore comune questi geroglifici possono voler dire poco, ma per i produttori sono fondamentali. Se state per comprare un condizionatore, a meno che non ne facciate richiesta diretta al produttore, non c’è modo di conoscere se i produttori abbiano seguito queste direttive. Gli unici indicatori che vengono resi pubblici sono quelli della classe energetica, da A+ a G, che vi fanno capire con un’occhiata quanto la macchina sia efficiente. L’unico modo per andare sul sicuro e acquistare un condizionatore dall’elevata sostenibilità è acquistarne uno di ultima generazione da un rivenditore specializzato come per esempio convienesempre.it.

Gli aspetti da considerare prima di comprare un condizionatore

Prima di investire una bella cifra per un condizionatore, non c’è solo la classe energetica da valutare. Un aspetto fondamentale, che fa aumentare il risparmio in bolletta, è la tecnologia dell’inverter. Ove presente, permette di consumare meno energia elettrica per abbassare la temperatura. A differenza dei tradizionali sistemi on/off in cui il condizionatore impiega pochi secondi per abbassare i gradi in una stanza, la tecnologia inverter permette di ottenere lo stesso risultato più lentamente, ma consumando molta meno energia. Inoltre l’inverter permette di mantenere stabile la temperatura desiderata. Quando l’inverter non c’è, il condizionatore si “spegne” a temperatura raggiunta e si “riaccende” quando i gradi aumentano per diminuirli di nuovo.

Altro aspetto che può farvi risparmiare un po’ di denaro è l’offerta del rivenditore. Per esempio approfittate delle vendite dei “dual split“. Questa espressione significa che il rivenditore fornisce due split, cioè due unità interne con un motore esterno unico, da installare in due stanze diverse. Il costo della singola unità così scende, e avrete una copertura maggiore in casa rispetto ad uno split solo. Se successivamente doveste decidere di acquistare un secondo split, vi costerebbe sicuramente di più comprarlo singolo che non in “dual split” al momento dell’installazione.

Consigliabile anche preferire i condizionatori che emettono anche riscaldamento (dotati di pompa di calore). Nei periodi in cui fa freddo, ma i termosifoni condominiali non sono ancora accesi, questi condizionatori possono tenervi al caldo senza ricorrere ad un terzo dispositivo come una stufa.

Se il vostro dubbio è tra un condizionatore fisso e uno mobile o portatile, vi consigliamo la prima tipologia. L’unico “contro” dei condizionatori fissi è infatti il costo dell’installazione, ma sono più efficienti, meno rumorosi e consumano molta meno energia. Infine consigliamo vivamente di affidarvi a marche conosciute. A differenza di altri prodotti, quando si tratta di tecnologia ad altissimo livello, come un condizionatore d’aria, è meglio andare sul sicuro con i produttori di una certa autorevolezza. Alcune marche consigliate sono Daikin, Mitsubishi Electric, Hisense, Samsung, Panasonic e Olimpia Splendid. Non scegliete il climatizzatore in base al prezzo: un investimento iniziale più basso significa molto probabilmente spendere di più in bolletta e ottenere un servizio più scadente.

Foto: Freeimages

Lascia un commento

O

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

comments