Home / Rubriche / Strano ma vero / Lo schiaccianoci a molla, una curiosa innovazione per aprire la frutta a guscio

Lo schiaccianoci a molla, una curiosa innovazione per aprire la frutta a guscio

schiaccianoci a molla

Lo schiaccianoci è uno strumento che tutti noi abbiamo in cucina e probabilmente si tratta anche dello stesso tipo. Ovviamente non parlo del design, quello può variare da produttore a produttore e l’estetica dello strumento può essere quasi stravolta in base al disegno o allo stile dato. Sto parlando del tipo di schiaccianoci e quello più diffuso è quello a pinza, dove per spaccare il guscio della frutta oleosa basta fare pressione in una leva da premere anche con una sola mano. Lo schiaccianoci a pinza però non è l’unico tipo, sul mercato se ne trovano diversi – ad esempio quello a vite – anche se nessuno offre la stessa praticità e comodità.

Gli schiaccianoci sono strumenti nati tantissimo tempo fa (il primo esemplare in metallo ritrovato risale al III secolo A.C.), e vista la loro semplicità e efficacia nessuno ha mai sentito il bisogno di creare qualcosa di innovativo o che risultasse più efficace.

Il settore dei gadget da cucina però è molto propositivo e sforna novità quasi quotidianamente, quindi era solo questione di tempo prima che qualcuno provasse a reinventare lo schiaccianoci. Dopo anni di studi e vari tentativi il risultato è lo Schiaccianoci a molla, un modello che fin da subito colpisce per il suo design e che propone qualcosa di veramente innovativo. Anche perché cercare di proporre una semplice variante dello schiaccianoci a pinza avrebbe infranto l’obiettivo di innovare e creare qualcosa di diverso dal solito.

Lo Schiaccianoci a molla invece rivoluziona lo strumento e abbandona il campo delle leve e abbraccia quello della meccanica e dell’energia che può generare una molla. Nel caso dello schiaccianoci la molla è elicoidale conica, quindi ha una base larga che si stringe man mano che la molla si avvolge verso l’alto. Lo strumento include anche una coppetta in metallo che serve per appoggiare la noce da aprire, mentre la molla termina con un perno nella parte interna e una piccola maniglia nella parte esterna. Il funzionamento è semplice quanto intuitivo, basta appoggiare lo schiaccianoci sopra la noce, tirare la molla verso l’alto, lasciarla andare e… Crash! Il guscio verrà spaccato dal colpo inferto dal perno.

La forza dell’impatto dipende da quanto allungate la molla, ma tirarla al massimo non significa massimi risultati. Una molla può generare moltissima energia, quindi se esagerate rischiate di frantumare non solo il guscio, ma anche il gheriglio. Basta però qualche noce di prova per capire quel è la forza ideale per rompere solo il guscio e prendere confidenza con uno schiaccianoci innovativo.

Lo Schiaccianoci a molla è uno strumento davvero sorprendente, perché colpisce per il suo design ma si rivela anche molto pratico e funziona piuttosto bene. Lo schiaccianoci si rivela anche molto più intelligente di quello che farebbe pensare. Difatti la prima preoccupazione va ai pezzetti di guscio che potrebbero partire in giro per la cucina. In realtà non è così, perché la molla – quando ritorna in posizione – diventa una spirale completamente chiusa, e questa forma una cupola che trattiene le parti del guscio rotto.

Insomma, innovare uno strumento vecchio di qualche millennio non era affatto semplice. Anche perché gli schiaccianoci a pinza funzionano ancora benissimo. Lo Schiaccianoci a molla però è riuscito a proporre qualcosa di strano, nuovo e molto originale, senza però mettere in secondo piano la praticità e l’efficacia.

Potrebbe interessarti anche:

città più pericolose del mondo

Città più pericolose del mondo: c’è anche Napoli nella top 10

La Camorra rende Napoli una delle 10 città più pericolose del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.