Home / Attualità / Politica / Risultati elezioni comunali 2017: bene il PD, male il M5S

Risultati elezioni comunali 2017: bene il PD, male il M5S

risultati elezioni comunali 2017

Il giorno dopo le elezioni amministrative scatta la resa dei conti, specialmente in casa Movimento 5 Stelle. Sono lontani i momenti di gloria di Roma e Torino: in tutte le principali città gli aspiranti sindaco del partito grillino sono rimasti fuori. I risultati elezioni comunali 2017 sorridono invece al Centrosinistra. Il PD e i partiti alleati ottengono il 45% delle vittorie nei 1004 Comuni al voto. Al Centrodestra vanno il 26% delle vittorie, il 27% alle Liste Civiche e solo l’1% va al M5S, scavalcato anche dai partiti di Centro. Il 56% dei Comuni invece andrà al ballottaggio. Ma vediamo nel dettaglio i risultati nelle principali città al voto.

Risultati elezioni comunali 2017 nelle principali città

I risultati elezioni comunali 2017 vedono sparire il Movimento 5 Stelle dal governo delle principali città italiane. A Palermo, la città più grande di questa tornata, in termini di popolazione, viene confermato sindaco Leoluca Orlando che non si è presentato più con l’Italia dei Valori ma con una coalizione di Centrosinistra tutta formata da liste civiche. Secondo è finito l’ex “delfino” Ferrandelli sostenuto dal Centrodestra, mentre solo terzo l’esponente del M5S Forello, che ha ottenuto un terzo dei voti di Orlando.

Tra gli eletti al primo turno spicca anche Borgna (Cdx) che diventa il nuovo sindaco di Cuneo con oltre il 60% di voti.

Palermo e Cuneo a parte, in tutti gli altri capoluoghi si andrà al ballottaggio. Probabile cambio della guardia a Genova dove all’amministrazione di sinistra potrebbe succedere Marco Bucci di Centrodestra. Il candidato della Lega Nord è in vantaggio di circa 5 punti percentuali sul rivale Crivello, ma non abbastanza da vincere al primo turno. Discorso simile per Verona con Sboarina (Cdx) che sfiora il 30%, contro il 23,6% di Bisinella di Fare sostenuta dalle Liste civiche collegate all’ex sindaco Tosi. Ancora più risicata la situazione a Parma dove l’ex M5S Pizzarotti per adesso è in vantaggio di appena 2 punti percentuali su Scarpa (Csx). Fuori dai giochi invece la leghista Cavandoli.

Tutti i ballottaggi

Al ballottaggio andranno anche Catanzaro dove al momento è in vantaggio il sindaco uscente Abramo (Cdx), Piacenza che rischia un clamoroso cambio della guardia con la leghista Barbieri in vantaggio di ben 6 punti su Paolo Rizzi del PD; La Spezia, con Peracchini del Cdx in vantaggio sulla giunta comunale uscente di circa sette punti; Como con in vantaggio Landriscina (Cdx); Lodi dove Gendarini e Casanova sono praticamente pari; Monza con Allevi (Cdx) in vantaggio di meno di cento voti su Scanagatti (Csx); Alessandria, dove l’attuale sindaco di Csx Rossa potrebbe essere confermata, anche se il vantaggio su Cuttica è davvero risicato; Lucca, col sindaco Tambellini per ora avanti; Belluno dove potrebbe essere confermato Massaro, e Padova con Bitonci che potrebbe subentrare al commissario straordinario.

Ballottaggio anche a Pistoia dove si sfideranno Bertinelli (Csx) e Tomasi (Cdx), Trapani (Fazio vs. Savona) e Oristano tra Lutzu (Cdx) e Obinu (Csx). Ad un passo dall’elezione al primo turno Ottaviani (Cdx) come sindaco di Frosinone con oltre 20 punti percentuali sul diretto concorrente. Non diventano sindaci per un pelo quello di Rieti, Antonio Cicchetti (Cdx) dovrà vedersela al ballottaggio con Simone Pietrangeli (Csx), e quello di Asti, dove si andrà al ballottaggio tra Rasero (Cdx) e Motta (Csx) nonostante un distacco abissale. Municipio sfiorato anche da Dibenedetto del PD che per lo scranno de L’Aquila dovrà vedersela con Biondi di Forza Italia. Ultime a terminare gli scrutini sono le pugliesi Lecce e Taranto. Ballottaggio in entrambi i casi: Gilberti vs Salvemini nel primo, Baldassarri vs Melucci nel secondo.

Foto: Pixabay

Potrebbe interessarti anche:

liberi e uguali

Liberi e Uguali: il programma per le elezioni 2018

Il lavoro è il principale punto del programma di Liberi e Uguali: i dettagli nella dichiarazione d'intenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.