Home / Videogiochi / Quarantine: recensione del disaster game strategico

Quarantine: recensione del disaster game strategico

recensione quarantine

Una corsa contro il tempo e contro agenti patogeni in continua evoluzione. L’umanità è in pericolo e noi siamo l’ultima speranza per trovare una cura. Sembra uno scenario da film horror ma in realtà è un videogioco. Quarantine, realizzato dallo studio austriaco Sproing e dall’editore italiano 505 Games è ufficialmente disponibile in Early Access su PC via Steam. Noi lo abbiamo provato, vediamo com’è andata.

Quarantine: un buon strategico a turni

Negli ultimi anni gli strategici a turni sembrano tornati di moda. Se Civilization per un po’ era rimasto l’ultimo baluardo di questo genere, prima XCOM ha tentato di dargli “una mano” e adesso sono sempre di più i giochi che stanno riscoprendo questa tipologia di gioco che piace tanto ad una nicchia molto nutrita di appassionati. Tra questi si inserisce Quarantine che parte da un’idea non proprio originale di un’epidemia mondiale da fermare a tutti i costi, e realizza un ottimo prodotto.

Va specificato che la versione Early Access, o in italiano accesso limitato, non è definitiva. È un gradino sopra rispetto a una demo, cioè permette di giocare alla versione quasi definitiva del gioco, anche se ancora persistono alcuni bug o problemi che gli sviluppatori chiedono alla community di segnalare. Nonostante questa versione ancora parziale, il gioco è soddisfacente e a tratti provoca quella “dipendenza” tipica che agli amanti degli strategici a turni piace tanto. Quel “ancora un turno” che separa i giochi ben riusciti da quelli riusciti male lo abbiamo provato anche qui.

Le meccaniche di gioco sono piuttosto semplici: siamo noi contro uno dei tre agenti patogeni a disposizione, batteri, virus e prioni. La malattia si diffonde piano piano in tutto il mondo e noi, partendo con il nostro team composto da un solo leader (a scelta tra medico, scienziato, addetto alla sicurezza e diplomatico) dobbiamo tentare di arginare la diffusione in attesa che sia sviluppata una cura. Per tentare di limitare il virus abbiamo due possibilità: curare i singoli infettati con una soluzione temporanea o la quarantena. Nel frattempo dobbiamo cercare ulteriori fondi per la ricerca, tenere in vita i componenti del nostro gruppo (e non sarà facile), raccogliere campioni da esaminare in laboratorio, sviluppare una cura e migliorare le tecnologie a nostra disposizione. Quando la maggior parte della popolazione mondiale si sarà infettata (il contatore in alto a sinistra ci indica la situazione) avremo perso la sfida, se invece riusciamo a sviluppare una cura prima che la barra rossa si completi, l’avremo vinta.

A complicare ulteriormente le cose in Quarantine ci sono gli eventi casuali. Si tratta di eventi collegati all’epidemia come gente che va nel panico, millantatori che anziché ridurre il contagio lo aumentano, complottisti che accusano le autorità e così via. Questi eventi possono essere affrontati dai nostri specialisti e, se vanno bene, riportano la situazione alla calma, ma se l’intervento fallisce il contagio può allargarsi ancora più velocemente e i nostri componenti possono persino venire uccisi. Un bel terno al lotto, non c’è che dire.

Conclusioni

Per essere un progetto tutto sommato “piccolo” se confrontato con i due colossi indicati sopra, possiamo affermare che Quarantine sia un gioco di ottima fattura. Elemento molto importante, essendo un gioco di strategia, è che è completamente tradotto in italiano. Poi è altamente rigiocabile. A parte il tutorial infatti ci sono almeno 9 scenari possibili, ovvero i 3 agenti patogeni giocabili in tre difficoltà diverse. Per cominciare a fare proprie le meccaniche di gioco ci vogliono una o due ore, considerando poi il tempo che ci vuole a completare tutte le campagne in tutte le difficoltà, possiamo stimare almeno una decina di ore di gioco nel complesso. Forse per un videogioco strategico sono un po’ poche, ma considerando che il gioco costa solo 15 euro possiamo essere più che soddisfatti. Ottimo il comparto sonoro, così così quello video. Anche se, come detto in precedenza, al momento è in fase di Early Access, probabilmente lo sviluppo è oltre il 90% quindi è sufficiente per permetterci di assegnargli un voto che per la nostra redazione è un meritatissimo 8,5.

Quarantine - recensione

Trama - 6.5
Grafica - 6.5
Sonoro - 8.7
Gameplay - 9.5
Rigiocabilità - 9.5
Longevità - 9

8.3

User Rating: Be the first one !

Potrebbe interessarti anche:

call of duty: black ops 4

Call Of Duty: Black Ops 4, come sbloccare i personaggi e gli altri segreti

Dalla Pack-a-Punch machine alle mappe bonus: tutti i segreti di Call Of Duty: Black Ops 4.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.