Home / Sport / Calcio / Qualificazioni Mondiali 2018: la situazione dei gironi dopo 3 giornate

Qualificazioni Mondiali 2018: la situazione dei gironi dopo 3 giornate

mondiali 2018

Si sono concluse soltanto ieri sera le ultime partite della terza giornata dei gironi di qualificazione ai Mondiali 2018. Finora qualche sorpresa si è già verificata e anche se per il termine delle qualifiche manca ancora tanto, è possibile cominciare a fare il punto della situazione e vedere chi rischia di restare a casa tra due anni.

Risultati e classifiche di tutti i gironi di qualificazione ai Mondiali 2018

Gruppo A: dopo una partenza al rallentatore, la Francia di Pogba comincia a carburare. È proprio l’ex juventino a regalare tre punti fondamentali ai transalpini nell’ultima pericolosa partita contro l’Olanda. Olandesi che sono già a rischio eliminazione dato che dopo la sconfitta con la Francia e il pari contro la Svezia, rimangono fermi al terzo posto dietro queste due nazionali già avanti di 3 punti.

Gruppo B: tutto facile per la Svizzera a punteggio pieno e con già la qualificazione prenotata. I campioni d’Europa del Portogallo passeggiano con punteggi tennistici su Andorra e Faroe (6-0 in entrambi i casi), ma pagano la sconfitta alla prima giornata contro gli elvetici. La qualificazione è una questione a due e i lusitani già rischiano i play-offs. Il terzo incomodo Ungheria ha già 2 punti di ritardo sul Portogallo.

Gruppo C: Germania a punteggio pieno davanti al sorprendente Azerbaijan che prenota il posto da Cenerentola. Gli azeri vanno meglio dell’Irlanda del Nord e soprattutto di Norvegia (appena 3 punti) e Repubblica Ceca (solo 2) che erano le nazionali più accreditate al secondo posto.

Gruppo D: Serbia e Irlanda, dopo aver pareggiato nello scontro diretto della prima giornata, vincono le due partite di questo turno e si attestano in vetta alla classifica superando il Galles di Bale che invece non va oltre il pari contro Georgia e Austria. Qui è ancora tutto aperto perché ci sono 4 squadre in 3 punti e nel prossimo turno ci saranno tutti scontri diretti.

Gruppo E: il Montenegro e la Polonia non sono più sorprese, e così comandano il loro girone con 7 punti. Delude la Romania che dopo la straripante vittoria contro l’Armenia si fa fermare sullo 0-0 dal Kazakistan e scivola al terzo posto. Peggio ancora i favoriti danesi, quarti con appena 3 punti.

Gruppo F: seppur con molta fatica e con gol nei minuti di recupero, l’Inghilterra mantiene il vertice di un girone piuttosto semplice. A lottare per il secondo posto che manda ai play-offs ci sono Slovenia e Lituania a 5 punti, la Scozia a 4 e la Slovacchia che, dopo le prime due sconfitte, strappa i primi tre punti del girone proprio contro gli scozzesi.

Gruppo G: rischiano tanto gli azzurri ma alla fine escono con i 3 punti dalla Macedonia e imbattuti dalla sfida contro la Spagna. Italia e Spagna comandano il girone, ma attenzione ad Albania e Israele distanti appena un punto dalla coppia di testa. Lo scontro diretto tra queste due compagini permetterà probabilmente a Italia e Spagna di allungare nella prossima giornata.

Gruppo H: la Grecia è risorta dopo un decennio di anonimato. La nazionale ellenica guida il gruppo insieme al Belgio a punteggio pieno, ma attenzione alla Bosnia Herzegovina che non molla a 3 punti di distanza. Per lo scontro diretto al vertice bisognerà aspettare però fino a marzo.

Gruppo I: girone molto equilibrato con Croazia e Islanda al vertice con 7 punti, seguiti due punti sotto dall’Ucraina e dalla Turchia a soli 2 punti, ma con i turchi che potrebbero rifarsi pericolosi nelle prossime due giornate grazie a due impegni piuttosto facili.

La giornata numero 4 si disputerà a metà novembre, per le altre bisognerà aspettare il 2017.

Potrebbe interessarti anche:

ranking uefa

Ranking UEFA 2017: l’Italia punta al secondo posto

Il ranking UEFA aggiornato alla fine del 2017 sorride all'Italia, mai così in alto da 10 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.