Home / Attualità / Economia e Risparmio / Prestiti personali: le alternative alle banche

Prestiti personali: le alternative alle banche

prestiti personali

In un periodo nel quale è sempre più difficile ottenere denaro liquido per realizzare i propri sogni è molto importante conoscere le varie alternative alle fonti di prestito. I prestiti personali nella maggior parte dei casi passano attraverso le banche. Esistono però diversi metodi alternativi che possono permetterci di ottenere denaro anche quando gli istituti di credito non accettano il prestito, o si è cattivi pagatori.

I prestiti personali alternativi

La prima e più semplice forma di prestito alternativo alle banche è quella del prestito tra privati. Per fare in modo che sia perfettamente legale, e che non si incorra in usura, è importante che si verifichino due condizioni: la prima è che deve essere tutto scritto messo nero su bianco, anche se il prestito si fa tra parenti; la seconda è che il tasso d’interesse (se c’è) non deve essere superiore a quello legale che vige in quel momento. Oggi sono sempre di più le piattaforme social che mettono in contatto privati che vogliono prestare soldi con altri che invece ne hanno bisogno, abbiamo trattato questa forma di prestiti personali molto nel dettaglio in altri articoli approfonditi. L’importante è conoscere i pro e i contro di questa forma di finanziamento. I pro sono tassi di interesse fissi e solitamente bassi, nessun costo aggiuntivo e possibilità di erogare cifre di ogni tipo. I contro riguardano il fatto che solitamente è difficile trovare finanziatori in quanto le persone che cercano prestiti in questo modo sono di solito cattivi pagatori o pagatori non proprio affidabili visto che in precedenza le banche gli hanno rifiutato la richiesta; inoltre se non si è specializzati in questo genere di transazioni è facile cadere in tranelli o commettere qualche errore.

Un’alternativa è quella delle finanziarie che concedono prestiti anche ai cattivi pagatori. Si tratta di società private che non sono banche ma che sono autorizzate dalla legge a fornire prestiti a persone che a causa di guai precedenti con debiti o altri problemi di denaro non riescono a chiedere finanziamenti attraverso i canali “tradizionali”. I pro sono che ci si affida a professionisti che si occupano di tutti gli incartamenti e dunque non c’è il rischio di cadere in errori o truffe, e inoltre al prestatore non importa la storia creditizia del richiedente; i contro sono solitamente tassi d’interesse un po’ più elevati del normale (ma sempre sotto la soglia di usura) e nella maggior parte dei casi le cifre prestate sono abbastanza basse.

Se il prestito vi serve per avviare un’attività originale e innovativa, una forma di finanziamento sempre più diffusa negli ultimi anni è il crowdfunding. Numerose aziende sono state avviate grazie a questa raccolta di microcredito online. Le piattaforme più utilizzate sono Kickstarter e Indiegogo, ma ce ne sono anche altre. Esse funzionano in modo semplice: si espone la propria idea o il proprio progetto, e si pone un limite di donazioni minime raggiunte le quali si inizia la produzione. Poi tutte le persone che hanno effettuato donazioni potranno avere un vantaggio da esse, o se il progetto non decolla possono essere rimborsate. I pro sono che si ottengono enormi somme di denaro grazie a migliaia di piccole donazioni che arrivano da tutto il mondo in pochissimo tempo, non si devono restituire queste somme con gli interessi e non è importante la propria storia finanziaria pregressa. I contro sono che bisogna pagare una commissione alla piattaforma (solitamente il 5%), per racimolare la somma necessaria potrebbe volerci anche tanto tempo, o è anche possibile che non si ottenga mai.

Infine ultima forma di prestiti personali alternativi è il prestito per il consolidamento debiti. Se la banca non vi concede prestiti perché ne avete già altri pendenti, esistono finanziarie che vi concedono un prestito unico che possa coprire tutti gli altri debiti in modo da ripagarli e portarvi a restituire una sola rata mensile, spesso con un tasso d’interesse basso. Le note positive sono che anziché avere tante scadenze se ne ha solo una ogni mese e gli interessi sono inferiori rispetto per esempio a quelli delle carte di credito; i contro sono che non è detto che tale prestito copra l’intero ammontare dei vostri debiti, il periodo di restituzione del debito si allunga di parecchio e infine può capitare che il tasso attuato effettivamente possa essere diverso da quello pubblicizzato.

Foto: Pixabay

Potrebbe interessarti anche:

badante

Come mettere in regola una badante: costi e burocrazia

Contributi, retribuzione minima, contratto, ferie e tutto ciò che c'è da sapere prima di assumere una badante (in regola).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.