Home / Attualità / Economia e Risparmio / Dynamic pricing: come risparmiare sugli acquisti online

Dynamic pricing: come risparmiare sugli acquisti online

dynamic pricing

Le compagnie che lavorano con l’e-commerce se ne sono inventata un’altra: si chiama dynamic pricing e riporta sotto i riflettori la vecchia storia dei cookie. Quei piccoli e invisibili dati a quanto pare ci riguardano da vicino molto più di quanto potevamo aspettarci. Probabilmente vi sarà capitato di fare una ricerca per un volo, un albergo o un prodotto su un sito e poi non comprarlo, tornare qualche giorno dopo e trovarlo con i prezzi aumentati. Ecco, questo è il dynamic pricing. Si tratta di un meccanismo che, attraverso i cookie, segnala al sito di e-commerce quali sono i vostri desideri e dà il tempo alle aziende che usano questi dati in maniera non molto pulita di approfittarne, alzando i prezzi. Per fortuna internet è una macchina molto veloce e per ogni problema ha già una soluzione. Ecco come sfruttare il dynamic pricing a proprio vantaggio.

Le contromosse sul dynamic pricing per risparmiare online

Secondo Federprivacy con il metodo del dynamic pricing gli acquisti online possono costare anche il 30% in più, con i nostri consigli invece potreste persino risparmiare. Ci sono due strade. La prima è da percorrere quando avete intenzione di effettuare l’acquisto al più presto. Se non avete comprato subito il biglietto aereo alla tariffa che avete trovato, o la camera d’albergo in promozione, ma decidete di farlo uno o due giorni dopo, procedete così: andate nella cronologia del vostro browser e cancellate i dati di navigazione dal giorno in cui avete effettuato la ricerca. Può essere utile anche svuotare la cache del proprio browser. In alternativa provate a fare gli acquisti utilizzando la connessione anonima. Infine, come ultima ratio, modificate il consenso all’utilizzo di cookie di terze parti sul sito in questione, anche se questo non è proprio semplice da fare. In questo modo pagherete il prezzo normale senza rincari e senza risparmi.

Se invece volete effettuare l’acquisto, ma con più calma, è possibile anche risparmiare. Il dynamic pricing funziona anche al contrario, in particolar modo con le offerte sugli e-commerce come per esempio Amazon, Zalando, ecc. più che sui viaggi. Effettuate una ricerca normalmente, magari mettendo anche nel carrello il prodotto che volete acquistare, ma non compratelo. A questo punto svuotate il carrello e uscite dal sito. Eventualmente potete ripetere questa procedura con qualche sito concorrente. Nei giorni successivi potete anche ripetere l’operazione una o due volte. Adesso aspettate qualche giorno (anche una settimana) e poi ritornate sul sito. Se non avete mai acquistato il prodotto, ma i vostri cookie comunicano all’azienda che eravate interessati a comprarlo ma ora non lo siete più, è molto probabile che prima o poi vi venga offerto scontato. Per attuare questa procedura bisogna essere pazienti e aspettare anche una o due settimane, ma alla fine se dimostrerete di non essere più interessati a quel prodotto, ecco che il sito di e-commerce ve lo offrirà a prezzo inferiore.

Foto: Pixabay

Potrebbe interessarti anche:

badante

Come mettere in regola una badante: costi e burocrazia

Contributi, retribuzione minima, contratto, ferie e tutto ciò che c'è da sapere prima di assumere una badante (in regola).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.