Home / Attualità / Auto / Acquistare auto usata: consigli per evitare fregature

Acquistare auto usata: consigli per evitare fregature

Acquistare auto usata

Il mercato delle auto usate è sempre più in rapida espansione anche in Italia. La crisi economica e la poca propensione a spendere cifre eccessive stanno spingendo sempre più gli automobilisti italici a comprare auto usate anziché spendere decine di migliaia di euro per un’auto nuova. Le mutate esigenze, inoltre, come per esempio il telelavoro o la poca necessità di spostarsi continuamente in auto, potrebbero spingere molti ad acquistare auto usata perché, dopotutto, non serve che sia nuova di zecca. Prima di effettuare l’acquisto, però, c’è la necessità di valutare una serie di parametri per evitare di buttare letteralmente migliaia di euro. Andiamo a vedere con la nostra guida le cose di cui tenere conto.

Acquistare auto usata: cosa controllare

Dopo che avete deciso quale marca e modello comprare, la prima cosa da fare è andare online e visitare 2-3 siti di comparatori diversi per cercare di capire quanto può costare l’auto dei vostri sogni. Se per esempio l’auto che volete acquistare in concessionaria costa 20 mila euro e i comparatori vi segnalano che usata la potete comprare a ottomila euro, se doveste trovare un privato che la vende a tremila forse c’è qualcosa che non va. Probabilmente il prezzo allettante nasconde qualche difetto che vi lascerà a piedi nel giro di qualche settimana.

Il prezzo di un’auto usata è abbastanza semplice da valutare. Bisogna partire ovviamente dal prezzo base al concessionario e prendere in considerazione anno di immatricolazione, chilometraggio, optional, stato dei pneumatici, stato della manutenzione ed eventuali interventi da fare. Per esempio, secondo gli esperti di Al Volante, ogni 3000 km, la valutazione dell’auto va ridotta dell’1.5%. Quindi anche un’auto in perfette condizioni ma con 100 mila km vale la metà del prezzo di mercato. Alcuni siti specializzati forniscono delle tabelle complete che ci possono aiutare per farci un’idea sul prezzo giusto da pagare.

In generale vi consigliamo di affidarvi alle concessionarie dell’usato sicuro perché solitamente non acquistano “catorci”, hanno già effettuato dei controlli di qualità in precedenza e dunque, a meno che non abbiate a che fare con una concessionaria disonesta, non dovreste avere problemi. Se però volete risparmiare ulteriormente (la concessionaria ha per forza di cose prezzi più alti di un privato) dovete controllare in primis il numero dei chilometri. Sperando che il rivenditore non se li sia fatti “scaricare” da un elettrauto (purtroppo non c’è modo di scoprire se la cifra segnata dal contachilometri sia genuina), valutate se i chilometri percorsi siano troppi. Solitamente dopo i 200-230 mila chilometri un’auto è da considerarsi vecchia, ma se la usate solo per fare la spesa e dunque percorrete non più di un paio di chilometri al giorno può ancora andar bene, a patto che abbia un prezzo quasi regalato. Molto dipende anche dalle vostre esigenze: se usate l’auto per lavoro o per viaggi di vacanza in località amene magari avete bisogno di un basso chilometraggio, e di conseguenza il prezzo sale. E a proposito di esigenze, anche l’alimentazione dell’auto può cambiare anche in base ad esse. Per esempio potreste essere orientati sulle auto a metano oppure elettriche, ma se vicino casa vostra non ci sono distributori di metano o colonnine di ricarica magari è il caso di orientarsi sulla benzina.

Altro aspetto da controllare, una volta avviata la trattativa, è la manutenzione dell’auto. Fatevi consegnare dal venditore il libretto e il registro di manutenzione per capire se la revisione è stata fatta regolarmente, se i tagliandi sono in ordine, e se possibile portate l’auto dal vostro meccanico di fiducia che darà una controllata generale e saprà dirvi se è tutto ok o se ci sono modifiche da apportare. Fategli controllare anche il numero di telaio, non si sa mai che l’auto sia rubata! È possibile anche incrociare i dati tra tagliandi e contachilometri perché in questo modo si può avere un’idea di quanti chilometri effettivamente ha un’auto. Controllate anche che l’auto non sia in stato di fermo amministrativo o sia soggetta a ipoteche. Questo controllo si può effettuare verificando il certificato di proprietà presso il Pra. Infine chiedete di fare un giro di prova. Con il giro è possibile farsi un’idea della guidabilità e scoprire se ci sono rumori sospetti o altri problemi ancora.

Infine, se decidete di acquistare auto usata da un concessionario, accertatevi che sia in garanzia per almeno un anno come prevede la legge.

Foto: Pixabay

Potrebbe interessarti anche:

assicurazione sospesa

Assicurazione sospesa, per la Corte Europea non sarà più possibile

Uno strumento utile per chi non usa il veicolo per mesi, in futuro non sarà più legale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.