Home / Sport / Calcio / Inter-Suning: i dettagli della trattativa cinese

Inter-Suning: i dettagli della trattativa cinese

inter-suning

L’Internazionale FC a partire dal 28 giugno 2016 è ufficialmente di proprietà cinese. La trattativa Inter-Suning è andata in porto con la firma dei contratti avvenuta ieri a Milano. Gli accordi erano già stati stretti alcune settimane fa, ma solo adesso sono diventati operativi. Vediamo tutti i dettagli dell’operazione e cosa ne consegue per i tifosi nerazzurri.

I dettagli della trattativa Inter-Suning

Con la firma avvenuta ieri, la Suning Commerce Group è diventata proprietaria del 68,55% delle quote societarie della squadra nerazzurra. Il 31,05% resta nelle mani di Thohir mentre le quote rimanenti vanno ai piccoli azionisti. Moratti esce definitivamente di scena e non avrà nemmeno un ruolo di Presidente Onorario. L’operazione complessivamente all’azienda di Pechino è costata 270 milioni di euro, dei quali 142 sono andati a coprire tutte le passività lasciate dalle gestioni precedenti, i restanti 128 milioni sono stati divisi, in base alle quote societarie, tra Thohir, Moratti e gli azionisti. Thohir inoltre rientra anche dei 117 milioni di euro di capitali personali prestati all’Inter, al di fuori dell’ombrello del Fair Play Finanziario, per coprire i costi di gestione dello scorso anno. Restano invece i debiti nei confronti di Goldman Sachs, le famose ipoteche sugli incassi della prossima stagione calcistica, che ammontano a 210 milioni di euro. Qualora Suning volesse acquisire il 100% delle quote societarie dovrebbe sborsare poco più di altri cento milioni di euro.

Inter-Suning: le conseguenze sulla squadra

Dal punto di vista del calciomercato, purtroppo, i tifosi dovranno pazientare ancora. Anche se l’Uefa ha apprezzato la trattativa Inter-Suning, l’unica nota positiva è che non subirà penalizzazioni in merito al fair-play finanziario. Non cambia invece la politica sul calciomercato di quest’anno: deve chiudere in pareggio. Ciò significa che se la dirigenza nerazzurra volesse fare degli acquisti importanti, prima dovrà vendere (e di recente ha rifiutato 50 milioni dell’Atletico Madrid per Icardi). Il passaggio di proprietà permetterà comunque, dalla stagione 2017-2018, di effettuare investimenti importanti senza vendere i migliori giocatori in rosa. Investimenti possibili anche rispettando il fair-play finanziario dato che sono previsti grossi introiti dai circa 1600 negozi Inter Shop che verranno aperti in Cina. Il presidente di Suning, Zhang Jindong, ha dichiarato che l’obiettivo già da quest’anno è vincere scudetto ed Europa League; successivamente ha corretto il tiro ed ha affermato che l’importante è giocare in Champions League dalla stagione successiva, quindi anche un secondo o un terzo posto sono da considerare vittorie.

Potrebbe interessarti anche:

ranking uefa

Ranking UEFA 2017: l’Italia punta al secondo posto

Il ranking UEFA aggiornato alla fine del 2017 sorride all'Italia, mai così in alto da 10 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.