Home / Attualità / Economia e Risparmio / Aziende preferite dai dipendenti: Randstad premia Ferrero, Apple e Maserati

Aziende preferite dai dipendenti: Randstad premia Ferrero, Apple e Maserati

Randstad aziende preferite lavoratori Ferrero Apple Maserati

Smart working; opportunità di conciliare vita privata e professionale; una retribuzione equa: sono alcuni dei principali fattori che rendono più appetibile un posto di lavoro. A rivelarlo è uno studio commissionato dalla Randstad Holding nv all’istituto di analisi belga ICMA. La ricerca ha rivelato che nella scelta di un’azienda l’ammontare dello stipendio resta l’aspetto più importante, prioritario per il 55% degli intervistati.

Seguono la sicurezza sul posto di lavoro a quota 53% e un ambiente positivo al 49%. Offrire ai dipendenti la possibilità di lavorare da casa, anche occasionalmente, fa guadagnare punti a un’azienda soprattutto tra i lavoratori più anziani e tra i dirigenti. Il telelavoro è reputato una buona soluzione dal 68% dei dipendenti. Il 10% dei lavoratori vorrebbe avere la possibilità di lavorare da remoto tutti i giorni.

I lavoratori attribuiscono sempre più valore anche alla flessibilità. I dipendenti sarebbero disposti a ridurre la media di 42 ore di lavoro settimanali a fronte di più tempo libero, meno stress e più spazio per la vita familiare.

Lo studio è stato presentato in occasione dei Randstad Award 2016, premio assegnato dalla società di servizi per le risorse umane alle aziende preferite dai lavoratori italiani. A guadagnare il podio sono state la Ferrero, la Apple e la Maserati. La Ferrero ha conquistato ben il 76,5% delle preferenze, confermandosi l’azienda più apprezzata sia nel Nord che nel Sud del Paese. La Apple gode di una buona reputazione soprattutto nelle regioni del Centro Italia, mentre la Maserati primeggia nelle isole.

Marco Ceresa, CEO di Randstad Italia, ha commentato i dati dell’analisi invitando le aziende a sviluppare strategie adeguate per attirare le risorse umane migliori e restare competitive sul mercato:

L’84% degli intervistati lascerebbe l’impiego attuale per lavorare in un’azienda con una reputazione migliore, per questo motivo è di fondamentale importanza per le aziende sviluppare una strategia di Employer Branding.

Secondo Ceresa le aziende devono essere in grado di differenziarsi e di dimostrarsi coerenti, offrendo ai dipendenti un ambiente di lavoro unico, equilibrato e stimolante.




Potrebbe interessarti anche:

documenti

Dal conto in banca ai social: cosa fare dopo la morte di un parente

Conti da chiudere, documenti da realizzare e tante altre incombenze seguono il decesso di un congiunto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.