Home / Attualità / Economia e Risparmio / Canone Rai: modalità e modulo per la disdetta

Canone Rai: modalità e modulo per la disdetta

modulo per la disdetta rai

Si è parlato per mesi dell’introduzione del Canone Rai in bolletta ma per richiedere l’esenzione gli italiani avranno pochissimo tempo, praticamente soltanto un mese. Dopo una serie di rinvii e ostacoli di ogni tipo, alla fine l’Agenzia delle Entrate ce l’ha fatta ed ha reso note le modalità e il modulo per la disdetta. Ricordiamo che possono accedere alla disdetta, e dunque all’esenzione dal pagamento del Canone Rai, soltanto le persone che non possiedono alcun televisore in casa, oppure che hanno i requisiti descritti in questo articolo.

Modulo per la disdetta del Canone Rai

Per poter disdire il Canone Rai 2016 (e anni successivi fino ad un eventuale cambiamento della legge) ci sarà bisogno di un’autocertificazione. Essa si effettua compilando il modello prestampato dall’Agenzia delle Entrate che potete trovare a questo link. È importante sapere che l’autocertificazione è uno strumento messo a disposizione dalla legge che si basa sulla buona fede del cittadino. Nel caso in cui si dichiarasse il falso (cioè si dichiara di non avere la tv e invece di fronte ad un controllo si scopre che la tv c’è) scattano le sanzioni penali che vanno da 8 mesi a 4 anni di carcere.

Questa dichiarazione ha valore per ogni componente della famiglia ed è valida soltanto un anno, dunque nel 2017 bisognerà presentare la stessa dichiarazione per rinnovare l’esenzione dal Canone Rai.

Tempi e indirizzo della disdetta

Occhio alla tempistica perché la scadenza della presentazione della disdetta è davvero molto ravvicinata. Per l’anno 2016 si è deciso che la data ultima per l’invio della disdetta è il 30 aprile se la richiesta viene effettuata tramite raccomandata postale, oppure il 10 maggio se si effettua per via telematica. È possibile presentare anche successivamente la richiesta, ovvero tra il 1° maggio e il 30 giugno con raccomandata oppure 11 maggio-30 giugno via internet, ma in questo caso la disdetta varrà soltanto per la seconda parte del canone e la prima maxi rata di 60 euro di luglio andrà pagata. È inoltre possibile presentare domanda di esenzione dal 1° luglio 2016 e fino al 31 gennaio 2017 per l’intero anno 2017.

Se siete interessati ad inviare la disdetta per posta, la raccomandata va inviata al seguente indirizzo:

Agenzia delle Entrate Ufficio di Torino 1, S.A.T. Sportello abbonamenti tv – Casella Postale 22 – 10121 Torino

Oltre alla domanda di disdetta, ricordate di allegare alla dichiarazione anche una copia di un documento di identità. Qualora voleste inviarla per via telematica è possibile farlo sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Bisogna munirsi di username e password rilasciati da Fisconline o Entratel. Infine è possibile rivolgersi, con le stesse tempistiche, ai Caf abilitati.

Foto: Pixabay

Potrebbe interessarti anche:

partita iva costi

Partita IVA costi 2018 regime forfettario e normale

Quali costi si devono sostenere in fase di apertura della Partita IVA e quelli da sostenere durante l'anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.