Home / Attualità / Cronaca / Bruxelles sotto attacco: esplosioni in aeroporto e metropolitana

Bruxelles sotto attacco: esplosioni in aeroporto e metropolitana

attentati a bruxelles

La reazione dell’Isis all’arresto di Salah Abdeslam non si è fatta attendere. A quattro giorni di distanza dal raid delle forze speciali che hanno arrestato uno degli attentatori di Parigi e dei suoi complici, una serie di attacchi hanno messo a ferro e fuoco Bruxelles, capitale del Belgio e, a livello simbolico, anche capitale d’Europa.

L’attentato all’aeroporto

I primi attacchi sono avvenuti questa mattina, intorno alle 8, all’aeroporto Zaventem di Bruxelles. Ancora le informazioni sono confuse e parziali, ma dalle prime ricostruzioni pare che si sia trattato di un attacco kamikaze avvenuto nei pressi dell’accettazione per gli Stati Uniti. Sono stati distrutti infatti i banchi dell’American Airlines. Alcuni testimoni affermano di aver sentito delle grida in arabo poco prima della deflagrazione. Le esplosioni sono state diverse, almeno due, e i morti accertati sono almeno 10, forse 11, con un bilancio che potrebbe ulteriormente aggravarsi visti gli almeno 30 feriti confermati.

Dalle prime indagini è emerso che la situazione avrebbe potuto aggravarsi ulteriormente: un altro ordigno infatti è stato trovato all’interno dell’aeroporto, ma per fortuna non è esploso. Ovviamente tutti i voli sono stati sospesi, i passeggeri già imbarcati sono stati fatti scendere e lo scalo al momento risulta chiuso. Tutti i voli già diretti verso Bruxelles sono stati dirottati a Charleroi. I passeggeri al momento sono stati spostati, per sicurezza, sulle piste.

L’attentato alla metropolitana

Circa un’ora dopo l’attentato all’aeroporto, mentre le autorità tentavano di capire se si fosse trattato di terrorismo o di un semplice incidente, è arrivata la conferma che gli attacchi erano organizzati: altre esplosioni sono avvenute infatti all’interno della metropolitana. E non si trattava di obiettivi scelti casualmente. Le stazioni prese di mira sono state quella di Maalbeek e quella di Schuman, entrambe a due passi dalle sedi istituzionali dell’Unione Europea. Ancora incerto il numero delle vittime in questo caso, si parla di almeno due o tre morti. Lo stesso Salah, subito dopo l’arresto, aveva ammesso che altri attentati dell’Isis erano in preparazione.

Aggiornamento: il bilancio dei morti è salito a 11 per quanto riguarda l’aeroporto e a 15 per la metropolitana.

Foto: Twitter

Potrebbe interessarti anche:

libertà di stampa 2016

Libertà di stampa 2016: l’Italia perde altre quattro posizioni

La libertà di stampa in Italia sta diventando sempre più un optional, perse altre 4 posizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.