Home / Attualità / Economia e Risparmio / Tasse sulla casa e pensioni: gli ultimi emendamenti in Stabilità

Tasse sulla casa e pensioni: gli ultimi emendamenti in Stabilità

tasse sulla casa

Cambia ancora una volta la legge delle tasse sulla casa in Stabilità. Dopo l’ultima commissione Bilancio sono stati approvati alcuni emendamenti alle direttive dei giorni scorsi che si possono dire definitive dato che entro domenica il Governo porrà la fiducia per far passare la Finanziaria proprio prima delle vacanze natalizie. Non sono state ritoccate solo le tasse sulla casa però, ma anche le norme per andare in pensione, il tetto al pagamento in contanti e altro ancora. Analizziamo tutto punto per punto.

Tasse sulla casa: addio all’esenzione per i figli

Cambia la norma, precedentemente introdotta dal Governo Renzi, che prevedeva l’esenzione di Imu e Tasi in quelle abitazioni che risultavano seconda casa ma che erano state date in comodato d’uso a un parente di primo grado (figlio, genitore o fratello/sorella) che vi metteva la residenza. In realtà le tasse sulla casa non saranno né eliminate né reintrodotte: saranno dimezzate. Evidentemente le casse dello Stato non permettono “regali”, ma solo “sconti” in tema di tasse, meglio di prima comunque. È stata però introdotta una seconda norma che creerà non poche polemiche. Per poter ottenere lo sconto, la prima casa di colui che “dona” l’abitazione dev’essere nello stesso Comune. In sostanza solo se padre e figlio abitano nello stesso Comune ottengono lo sconto; se il padre acquista la seconda casa in un’altra città e la lascia in comodato al figlio, quest’ultimo non godrà dello sconto su Imu e Tasi.

Le altre novità dell’ultimo momento in Legge di Stabilità

Introdotta un’importante modifica in tema pensioni. Uno dei decreti attuativi del Jobs Act prevedeva che si potesse mandare in part-time un lavoratore a 2 anni dalla pensione; adesso la modifica permette di pre-pensionare direttamente il lavoratore senza passare dal part-time.

Viene reintrodotto il limite di pagamento in contanti a 1000 euro per quanto riguarda pensioni e prestazioni della Pubblica Amministrazione, è durato poco l’innalzamento ai tanto contestati 3000 euro; introdotti nuovi incentivi per gli investimenti al Sud, estesa la deducibilità al 70% dell’Irap sul costo del lavoro per i lavoratori stagionali con almeno 120 giorni di lavoro, e sconto Iva per chi acquista le case di classe energetica A o B direttamente dal costruttore.

Foto: Freeimages

Potrebbe interessarti anche:

rating nazioni

Rating nazioni: cosa significa e come si calcola

Le agenzie di rating danno una valutazione mediocre dell'Italia...ma cosa significa per la vità quotidiana?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.