Home / Animali / Gatti / Erba gatta: come coltivarla in casa per la gioia del micio

Erba gatta: come coltivarla in casa per la gioia del micio

Se ti piace condividi!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

erba gatta come coltivarla in casa

Se volete fare felici i vostri mici e salvare le vostre piante dalle loro grinfie potete coltivare in casa l’erba gatta. I felini ne vanno letteralmente pazzi, non a caso il nome scientifico Nepeta cataria ci ricorda che è la pianta dei gatti. Il profumo di menta piace anche a noi bipedi.

Non tutti i gatti però la amano. Secondo le stime la pianta ha un effetto eccitante e stimola una sensazione di benessere in un gatto su due grazie a una sostanza chimica oleosa contenuta negli steli, nelle foglie e nei semi nota come nepetalactone. Questa sostanza attrae i gatti che iniziano ad annusare e masticare la pianta, in preda all’euforia e a una sensazione di beatitudine.

Per capire se al vostro gatto piace l’erba gatta dovrete attendere che abbia compiuto almeno 3-6 mesi. In alcuni gatti l’euforia innescata dal consumo di erba gatta potrebbe tramutarsi in un comportamento giocoso molto vivace, a tratti aggressivo. Nella maggior parte dei casi i gatti invece si calmano e diventano placidi e beati. Osservate le reazioni del vostro micio e valutate se è il caso di garantirgli il pieno di erba gatta sempre a disposizione. In ogni caso l’effetto dell’erba gatta sui gatti si esaurisce in 10 minuti.

Gli spray all’erba gatta sono meno efficaci (e più costosi) rispetto alla pianta secca o fresca perché contengono quantità inferiori di nepetalactone quindi meglio coltivare l’erba gatta in casa o in giardino. Se comprate l’erba gatta secca ricordate che dopo un po’ l’olio essenziale tende a dissiparsi quindi congelate quella che non utilizzate. Evitate di piantare l’erba gatta in giardino nel terreno aperto perché è una specie invasiva che tende ad allargarsi troppo, un po’ come i nostri mici sul letto :-)!

Ma bando alle ciance. Ecco come coltivare in casa l’erba gatta per averne sempre a portata di zampa e muso una scorta fresca. La buona notizia è che si tratta di una pianta perenne. Vi basterà piantarla una volta sola e ogni anno vi fornirà un raccolto. Dopo aver comprato i semi nei negozi specializzati per animali, al supermercato o online metteteli a germogliare all’inizio dell’estate, salvo istruzioni diverse contenute sul pacchetto. Potete anche farvi regalare una piantina o i semi da qualcuno che ne ha in abbondanza. Non preoccupatevi se non vedrete subito spuntare i germogli, ci vuole un po’ di tempo prima che spuntino le piantine. Coprite i semi con un po’ di terreno e annaffiate due volte al giorno delicatamente finché non spuntano le piantine. In questa fase tenete i vasi lontano dalle grinfie del gatto. Quando la pianta è cresciuta potete spuntarla, prelevando le cime e le foglie per metterle a seccare. I tempi di essiccamento sono di una settimana. Le foglie essiccate possono essere conservate fino a due anni in un sacchetto. Quando ne avete bisogno prendetene una manciata e fate felice il gatto.

Come suggerito dalla Peta la parte superiore della pianta va raccolta prima che spuntino i fiori almeno 4 volte durante la stagione estiva per permettere alla pianta di continuare a crescere. L’erba gatta non necessita di una piena esposizione al sole e cresce anche in terreni poveri. L’importante è che abbia acqua a sufficienza. Potete anche comprare le piantine già cresciute ma acquistare i semi vi farà risparmiare e vi garantirà quantità maggiori di erba gatta. Oltre a far seccare le foglie potete tenere l’erba gatta fresca a portata di gatto, non distante da casa, in modo che non si allontani troppo quando cerca di scappare. Molti gatti tendono a buttarsi letteralmente addosso alla pianta in preda all’euforia, quindi la pianta integra fresca potrebbe durare molto poco. Meglio far seccare le foglie per ogni evenienza.

Utilizzate l’erba gatta per educare e intrattenere i gattini

Se volete insegnare al gattino a non farsi le unghie sul divano e sugli altri mobili potete sfregare l’erba gatta sul tiragraffi per renderlo più attraente.  O ancora potete sfregarla su un nuovo cuscino o una nuova cuccia che il vostro gatto snobba. L’erba gatta può servire anche da stimolo ai gatti più anziani un po’ poltroni a causa degli acciacchi dell’età. Potete nasconderla in alcuni giochini fai-da-te disseminati per casa o dietro ai mobili per incentivare il gatto a una caccia al tesoro rinvigorente per le articolazioni. Anche i gattini possono divertirsi con i giochi all’erba gatta in vostra assenza in modo da essere meno scalmanati al vostro rientro a casa e di notte, quando avere un micio annoiato in giro sul nostro letto in cerca di attenzioni non è proprio l’ideale per conciliare il sonno. Mettete le foglie in un vecchio calzino e fate un nodo in cima per avere una palla morbida e sicura che intratterrà il gatto.

Foto: Katieb50 via Flickr

Lascia un commento

O

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

comments