Home / Attualità / Economia e Risparmio / Assicurazioni infortuni con e senza franchigia: come funzionano

Assicurazioni infortuni con e senza franchigia: come funzionano

assicurazioni infortuni e malattia

Le assicurazioni infortuni permettono all’assicurato di vivere serenamente la propria vita senza la paura che, a causa di un incidente o di una malattia, professionale e non, gli diventi impossibile lavorare e provvedere alla propria famiglia. Le assicurazioni infortuni e malattia prevedono infatti un accredito di ingenti somme di denaro che possono variare a seconda della compagnia assicuratrice e del premio pagato. L’accredito può avvenire in tre forme:

  • Rimborso una tantum di una cifra prestabilita
  • Rimborso delle spese mediche e dei giorni di ricovero
  • Pensione d’invalidità

Queste tre forme di rimborso possono avvenire in modo esclusivo (cioè ognuna esclude l’altra) oppure tutte e tre insieme, o possono essere previste anche solo due su tre. La disponibilità cambia a seconda dei prodotti sottoscritti in fase di stipula della polizza.

Come funzionano le assicurazioni infortuni e malattia

Come per le assicurazioni sulla vita, anche quelle su infortuni e malattia è bene stipularle il prima possibile, quando si è ancora in forma. Più si è giovani e sani e più si abbassa la quota da versare mensilmente o annualmente alla compagnia assicuratrice. Per stabilire l’importo valgono le stesse regole dell’assicurazione sulla vita: il costo aumenta con il fumo, le malattie pregresse o i comportamenti a rischio. In sede di stipula del contratto si possono poi stabilire anche i parametri di accesso al rimborso. Per esempio le compagnie permettono di ottenere una pensione di invalidità permanente accertata dal medico anche con una percentuale molto bassa, più bassa rispetto a quella che consente di ottenere l’accompagnamento dal Sistema Sanitario Nazionale. Quando, dunque, si stabilisce che la pensione possa partire già dal 25% di invalidità permanente (alcune compagnie arriva anche a meno del 10%), il costo mensile sale, seppur di poco. Ovviamente la pensione si intende erogabile per tutta la vita.

Per tutelarsi le compagnie assicuratrici possono chiedere di sottoporsi ad una visita medica preventiva, a volte è obbligatoria, altre facoltativa ma incentivata per esempio con degli sconti. Altre volte basta un’autocertificazione. I prodotti assicurativi sono i più disparati. È possibile infatti ottenere rimborsi per ricovero (in questo caso si parla di diaria, di rimborso delle spese ospedaliere o di entrambi), giorni di degenza a casa ma nei quali non si può lavorare, giorni in cui si è costretti a indossare un gesso, rimborsi che crescono al crescere della percentuale di invalidità e perfino rimborsi per un consulto medico da uno specialista, per un infermiere o per pagare la baby sitter che deve badare ai bambini quando i genitori si devono allontanare per un ricovero. Le stesse regole valgono in caso di malattia, ovvero quando a rendere invalido l’assicurato non è un incidente ma l’insorgere di una malattia non pregressa (cioè non presente prima della stipula del contratto), indipendentemente che si tratti di una malattia professionale oppure no.

Assicurazioni senza franchigia

Le assicurazioni senza franchigia sono quelle assicurazioni che coprono qualsiasi tipo di infortunio anche senza una percentuale di invalidità, come indicato nel paragrafo precedente, oppure possono coprire le invalidità temporanee. Sono rare, non tutte le compagnie le coprono in quanto effettuare un’assicurazione senza franchigia significa farsi coprire qualsiasi tipo di infortunio, anche uno guaribile in pochi giorni. In questo caso il premio da pagare ogni mese si alza di parecchio perché copre quasi tutto. Questo tipo di assicurazione non è molto conveniente perché alza molto il prezzo per permettere di ottenere rimborsi bassi per infortuni lievi che non limitano l’attività lavorativa. Il nostro consiglio è di assicurarsi con le franchige presenti, anche se basse, perché le vere necessità insorgono nel caso di infortuni e malattie serie, non di piccoli problemi risolvibili in poco tempo.

Il costo delle assicurazioni infortuni e malattia è piuttosto conveniente in quanto, con un esborso mensile molto limitato, permette di ottenere coperture molto importanti. Dopo aver effettuato ricerche tra le diverse compagnie assicuratrici, possiamo stabilire che i costi di un’assicurazione infortuni e malattia vanno mediamente dai 12 ai 18 euro mensili circa, ma permettono di avere coperture dai 75 mila euro per le invalidità più basse fino a oltre 250 mila euro per quelle più elevate. Inoltre coprono costi ospedalieri di decine di migliaia di euro, permettono di ottenere diarie da ricovero tra le 50 e le 150 euro al giorno e pensioni di invalidità dai 500 euro mensili in su, a seconda della percentuale riconosciuta.

Foto: Photl

Potrebbe interessarti anche:

documenti

Dal conto in banca ai social: cosa fare dopo la morte di un parente

Conti da chiudere, documenti da realizzare e tante altre incombenze seguono il decesso di un congiunto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.