Home / Attualità / Scienza e tecnologia / Il cloud dell’Università Niccolò Cusano in finale allo SMAU 2015

Il cloud dell’Università Niccolò Cusano in finale allo SMAU 2015

Unicusano università digitale SMAU 2015

Dal 21 al 23 ottobre 2015 si rinnova l’appuntamento con lo SMAU, il salone dell’innovazione digitale ospitato dalla città di Milano che da oltre 50 anni si offre come polo di aggiornamento, networking e vetrina per le imprese private e le amministrazioni pubbliche.

Quest’anno tra i casi di successo presentati alla fiera, in lizza per il premio “Innovazione Digitale SMAU 2015”, figura il passaggio al cloud dell’università telematica Niccolò Cusano di Roma. L’ateneo digitale, nato nel 2006 per soddisfare le esigenze degli studenti che non possono frequentare i corsi, propone 17 corsi di studi online e vanta oltre 15 mila iscritti.

L’università ha deciso di offrire ai suoi studenti una nuova piattaforma di e-learning sempre fruibile e di mettere al sicuro i dati. L’adozione della tecnologia cloud consente l’accesso alla piattaforma anche in caso di picchi, migliorando la qualità dello streaming e garantendo continuità ai servizi di didattica digitali. Grazie all’implementazione del cloud le lezioni in streaming, i materiali didattici dei corsi e i test di autovalutazione saranno sempre disponibili 24 ore su 24.

L’Università Niccolò Cusano ha siglato una partnership con Aruba che ha fornito i servizi hardware garantendo la continuità del servizio a qualsiasi ora e nei momenti di maggiore traffico. All’aggiornamento del parco macchine è seguita l’adozione del private cloud abbinato ad un sistema cluster. Le unità virtuali possono espandersi in base alle necessità, senza necessità di interrompere il servizio.

Come illustra Diego Auletta, responsabile web dell’Università Niccolò Cusano:

Siamo passati da un sistema fisico ad un sistema virtuale senza però rinunciare alla potenza della piattaforma, anzi, con il Private Cloud risorse come ram e CPU, sono fisicamente garantite. Ogni GB di RAM virtuale corrisponde ad 1 GB di RAM fisicamente presente sui server che erogano il servizio così come anche la potenza di calcolo. Inoltre abbiamo aggiunto dischi SSD che consentono un accesso ai dati molto più veloce.

Tutte le attività sono tracciate in modo da consentire la certificazione del tempo dedicato allo studio dagli utenti che utilizzano la piattaforma.



Potrebbe interessarti anche:

App per guadagnare camminando

App per guadagnare camminando: quanto paga Sweatcoin

Una passeggiata potrebbe farvi acquistare prodotti gratis. Come? Con un'app!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.