Home / Attualità / Economia e Risparmio / Nuovi 20 euro: come riconoscere le banconote false

Nuovi 20 euro: come riconoscere le banconote false

nuovi 20 euro

Il prossimo 25 novembre 2015 verranno messe in circolazione le nuove banconote da 20 euro. Continua il percorso di rinnovamento voluto dalla Banca Centrale Europea che, se da un lato è fatto per una questione politica (permette l’inclusione dei nuovi Paesi inizialmente fuori dai 27), dall’altro serve per contrastare il giro di contraffazione che vede proprio nella banconota da 20 euro quella più falsificata. Come saranno dunque i nuovi 20 euro della serie Europa?

Nuovi 20 euro: come riconoscerli

Il colore di base sarà sempre il blu, come la banconota attuale, e anche le dimensioni rimarranno inalterate, ma i disegni saranno leggermente differenti. Tanto per cominciare, la figura al centro sarà molto simile a quella vecchia, ma comporterà il disegno di un altro edificio alle spalle del primo, e questo secondo edificio sarà colorato di rosso. L’ologramma visibile in controluce in alto a destra dei nuovi 20 euro mostra il volto della dea Europa sia sulla parte frontale della banconota che su quella dorsale (sul dorso è in alto a sinistra in corrispondenza con l’immagine sul lato opposto). Appena sotto il ritratto ci sarà la replica del disegno centrale dei due edifici con la scritta “20” con linee iridescenti che cambiano colore muovendo la banconota. Lungo la linea verticale in cui compaiono queste immagini ci sarà una striscia argentata sulla quale compare il simbolo € sotto e il numero 20 sopra.

20 euro nuovi dorso

Passando sul lato sinistro della banconota, possiamo notare il numero 20 che non è più completamente blu ma è colorato sulla parte superiore di verde e poi scendendo diventa blu. Una colorazione molto simile, ma all’inverso (blu sopra e verde sotto) si può notare sul retro della banconota, mentre sempre sulla parte frontale compare al centro in alto di nuovo il “20”, questa volta colorato rosso-blu. Accanto al 20 la scritta “Euro” non sarà più in due caratteri ma in tre (Euro, Eypo e Ebpo).

Immancabile la filigrana che si può notare mettendo la banconota in controluce. Qui possiamo notare la stessa immagine di Europa ma sulla parte sinistra dei nuovi 20 euro, nella zona bianca sopra il numero “20” verde e azzurro. Insieme all’immagine si nota anche la scritta “20”. Sempre in controluce è possibile notare anche una striscia nera che attraversa, dall’alto verso il basso, la banconota quasi perfettamente al centro. All’interno di questa striscia si può notare il simbolo dell’euro in bianco.

Infine il riconoscimento al tatto si può effettuare tastando le due estremità della banconota che dovranno avere delle linee in rilievo. Rilevabili al tatto dovranno essere anche l’immagine principale, le iscrizioni e la cifra che campeggia a centro banconota.

Potrebbe interessarti anche:

risparmiometro

Risparmiometro: differenza con lo Spesometro, quali beni riguarda?

Non è una tassa sui risparmi ma uno strumento per scovare chi lavora in nero, e non solo. Tutto sul Risparmiometro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.