Home / Attualità / Economia e Risparmio / Canone Rai 2016: quanto si paga, multe e modalità

Canone Rai 2016: quanto si paga, multe e modalità

canone rai 2016

Con la Legge di Stabilità 2016 il Governo ha deciso di porre rimedio ad un problema che ormai andava avanti da decenni: l’evasione del Canone Rai. Dal 2016 sarà impossibile evaderlo in quanto il suo pagamento sarà strettamente correlato alla bolletta dell’elettricità. D’altro canto però, per il principio secondo il quale se tutti pagano, si paga di meno, la cifra totale del canone sarà inferiore a quella dello scorso anno. E se qualcuno non paga? In questo articolo cercheremo di rispondere a tutte le domande più comuni.

Chi pagherà il Canone Rai 2016 e come si pagherà

Il Canone Rai verrà inserito in bolletta. Per evitare che chi ha più case di proprietà paghi più volte il canone, è stato stabilito un principio molto semplice: il canone verrà applicato alle tariffe che risultano prima casa. Le tariffe prima casa sono più convenienti perché hanno costi inferiori, ma dal prossimo anno prevederanno anche il pagamento del canone Rai in modo da raggiungere anche quella folta schiera di inquilini in affitto che, non essendo proprietari di casa, avevano maggiori chance di sfuggire ai controlli del canone.

L’importo che, quando la riforma entrerà in vigore, ci ritroveremo a pagare in bolletta sarà di 16,66 euro per ogni bolletta bimestrale per un totale di 99,96 euro annui. Tale importo rientrerà nel totale della bolletta energetica e dunque sarà compreso nel bollettino stampato automaticamente dalla compagnia. In questo modo diventa impossibile evadere, a meno che un utente non andasse in posta per pagare la bolletta ma, anziché usare il bollettino precompilato, utilizzasse quello in bianco nel quale inserire l’importo della sola corrente elettrica senza il canone Rai. In teoria si può fare perché l’azienda elettrica riceve il pagamento per l’energia inviata e può continuare ad erogare il servizio, ma in questo modo si sta evadendo il canone Rai. Cosa si rischia?

Su una cosa Renzi è stato chiaro: se un utente evade il Canone Rai non rischia che gli venga staccata l’elettricità. Qualora però l’azienda energetica segnalasse alle autorità che il suo cliente non ha pagato il canone, ma soltanto la parte della bolletta riguardante l’elettricità, potrebbero scattare le sanzioni. E per quest’anno la multa per il mancato pagamento del canone ammonta a 500 euro.

Come non pagare il Canone Rai nemmeno per il 2016

Anche per il 2016 sono previste delle esenzioni per il Canone Rai, che sono le stesse per il 2015, ovvero:

  • il capofamiglia (colui a cui è intestata la bolletta dell’elettricità) ha più di 75 anni;
  • nell’abitazione sono tutti disoccupati, a prescindere dall’età;
  • il reddito complessivo della famiglia non supera i 6.713,98 euro annui.

Anche per quest’anno infine c’è la possibilità di richiedere l’esenzione dal Canone inviando una lettera all’Agenzia delle Entrate nella quale si attesta di non possedere non solo la televisione, ma neanche computer, tablet o smartphone che consentano di accedere ai canali Rai. In quel caso però bisogna essere consapevoli che possono scattare i controlli e, nel caso in cui l’Agenzia scoprisse che si è dichiarato il falso, oltre alla multa di 500 euro si rischia anche un procedimento penale per aver violato la legge sull’autocertificazione.

L’unica speranza per non pagare il Canone Rai in bolletta nel 2016 è che le compagnie elettriche non facciano in tempo ad organizzarsi per la riscossione. Secondo i tecnici infatti le compagnie non saranno in grado di esigere il tributo, e di effettuare le eventuali segnalazioni per i mancati pagamenti, prima del giugno dell’anno prossimo, mentre il Governo esige che si cominci già da gennaio. Come finirà? Lo scopriremo entro un paio di mesi.

Potrebbe interessarti anche:

risparmiometro

Risparmiometro: differenza con lo Spesometro, quali beni riguarda?

Non è una tassa sui risparmi ma uno strumento per scovare chi lavora in nero, e non solo. Tutto sul Risparmiometro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.