Home / Attualità / Scienza e tecnologia / Lo scandalo emissioni si allarga anche ai televisori?

Lo scandalo emissioni si allarga anche ai televisori?

scandalo emissioni televisori

Una clamorosa scoperta effettuata dall’organismo di controllo indipendente ComplianTV potrebbe allargare lo scandalo emissioni anche ai televisori. In pratica l’organizzazione britannica avrebbe scoperto che alcuni modelli di televisori Samsung utilizzerebbero un software simile a quello usato dalla Volkswagen per produrre un risparmio energetico in fase di test maggiore di quello reale.

Samsung smentisce ma intanto lo scandalo emissioni si fa preoccupante

Immediatamente la casa coreana ha smentito lo studio britannico, ma il dubbio nei consumatori resta visto che quanto fatto dalla casa automobilistica tedesca potrebbe replicarsi praticamente in ogni campo ci sia un test sulle emissioni o sul dispendio energetico. In questo caso specifico, ComplianTV ha notato che i televisori Samsung entrano in una particolare modalità di risparmio energetico quando “riconoscono” una fase di test che si effettua mandando in onda una serie di immagini ad alta velocità e misurando il dispendio di energia dell’apparecchio. Secondo i test di laboratorio pare che questi televisori sotto accusa perdano un po’ di luminosità perché entrano in risparmio energetico mentre, durante la visione normale della tv, questo non accade.

Se l’accusa fosse confermata andrebbero riviste le schede di consumo energetico dei televisori e allargati i controlli anche ad altre marche, esattamente come sta avvenendo per le automobili.  Samsung intanto si difende affermando di utilizzare un software denominato out-of-the-box che è identico a quello che usano tutti i produttori di televisori di ultima generazione. Ma soprattutto la casa coreana ci tiene a non essere accostata a Volkswagen vista la differente entità dello scandalo.

L’illuminazione di movimento non è un’impostazione che si attiva solo durante i test. Al contrario, si tratta di una impostazione di default che funziona sia in laboratorio che a casa. Offre un risparmio energetico e ci aiuta a ridurre il nostro impatto ambientale. Se il cliente sceglie di modificare le impostazioni di visualizzazione o di passare a una modalità diversa, allora la funzione si spegne, ciò offre ai nostri clienti una semplice scelta tra dare la priorità all’efficienza energetica o alle prestazioni della loro TV.

Con queste parole pubblicate sul suo blog, la casa produttrice spera di chiudere la questione. Non è d’accordo il portavoce di ComplianTV che ha affermato, in un’intervista al Guardian:

Samsung sta interpretando alla lettera della legge, ma non lo spirito della legge.

La commissione europea avvierà presto delle indagini per capire se anche i produttori di televisori siano passibili di multe come accaduto con le automobili.

Potrebbe interessarti anche:

smartphone

Smartphone distruttori: oggetti e business scomparsi dal mercato

Chi si ricorda più delle enciclopedie cartacee, di sveglie e navigatori satellitari?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.