Home / Attualità / Economia e Risparmio / Tasi per inquilini: il Governo vuole cancellarla

Tasi per inquilini: il Governo vuole cancellarla

tasi per inquilini

Dell’euforia dell’abolizione delle tasse sulla casa potrebbero beneficiarne anche gli inquilini. Il Governo Renzi pensa di abolire la Tasi non solo sulla prima casa, ma anche la parte che oggi spetta agli inquilini in affitto. Ne ha parlato oggi il Ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan durante il Question Time alla Camera. Incalzato dalle domande dei suoi colleghi parlamentari, il Ministro ha parlato di un po’ di tutto: di crescita del Pil, di sforamento deficit/Pil, di fondi per il Mezzogiorno, di pensioni ed anche di tasse sulla casa.

La Tasi per inquilini è una disparità di trattamento

In questa sede ci soffermiamo proprio su questo punto che, al momento, sembra quello più concreto tra quelli trattati da Padoan. Bisogna partire dal presupposto che Matteo Renzi pochi giorni fa aveva affermato che l’anno 2015 sarebbe stato l’ultimo nel quale si sarebbero pagati Imu e Tasi sulla prima casa. Dal 2016 in poi queste tasse rimarranno solo sulle seconde case per agevolare quegli italiani che con tanti sacrifici hanno potuto comprare una casa ma non hanno la forza economica di far fronte alle tasse sul possesso.

Attualmente la legge prevede che la Tasi sulle case date in affitto sia pagata in modo proporzionale da proprietari e inquilini. Lo Stato ha stabilito che un inquilino debba pagare da un minimo del 10% ad un massimo del 30% l’aliquota stabilita dal Comune, e che sia proprio il Comune nel quale si trova lo stabile a decidere quale percentuale far pagare agli inquilini.

Il principio che ha portato il Ministro Padoan ad annunciare il taglio della Tasi per inquilini è quello di evitare le disparità: così come la Tasi sulla prima casa deve portare benefici a quei proprietari non molto benestanti che avrebbero difficoltà a pagare la tassa, altrettanto si deve fare con gli affittuari che, ancor più dei proprietari, non sono tanto ricchi da permettersi di comprare una casa. Pertanto hanno difficoltà a pagare anche la Tasi. Padoan non ha specificato se la Tasi sulle case in affitto sarà eliminata, è più probabile che verrà accollata al 100% sulle spalle dei proprietari. Resta da vedere se verrà aumentata per coprire il gettito mancante dalla Tasi sulla prima casa. Si attende un testo chiaro in merito che arriverà con la Legge di Stabilità che verrà approvata entro la fine dell’anno.

Potrebbe interessarti anche:

partita iva costi

Partita IVA costi 2018 regime forfettario e normale

Quali costi si devono sostenere in fase di apertura della Partita IVA e quelli da sostenere durante l'anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.