Home / Sport / Calcio / Champions League 2015-2016: tutti i gironi

Champions League 2015-2016: tutti i gironi

gironi champions league

L’urna di Monaco non è stata per nulla benevola stavolta con le squadre italiane in Champions League. È stata anzi particolarmente severa con la Juventus che, nonostante fosse inserita in prima fascia come vincitrice del campionato italiano, si è ritrovata in un girone di ferro. Meglio è andata alla Roma che, in quanto inserita in terza fascia, era certa di trovare almeno una big sulla sua strada.

Il girone della Juventus di Champions League 2015-2016

Nella Champions League 2015-2016 la Juventus affronterà il girone D nel quale saranno presenti anche Manchester City, Siviglia e Borussia Moenchengladbach. Il City era probabilmente la seconda squadra più forte, tra quelle della seconda fascia, che potevano capitare alla Juve. Peggio poteva andare solo con il Real Madrid. Il City è una squadra costruita negli ultimi 5-6 anni a suon di milioni e conta tra le sue fila grandi campioni come Nasri (finito nel mirino proprio dei bianconeri), Aguero, Sterling, Kompany ed altri calciatori di ottimo livello. Certamente sarà l’avversaria più ostica per la Juventus.

Il Siviglia è un’incognita perché, dopo aver dominato l’Europa League (vinta 3 volte nelle ultime 4 edizioni) affronterà la Champions League, dove non ha mai brillato davvero, senza due dei principali protagonisti delle ultime stagioni come Bacca, passato al Milan, e Aleix Vidal venduto al Barcellona. Il destino ha voluto che la Juve si ritrovasse di fronte proprio due ex juventini: l’attacco del Siviglia oggi è infatti composto da Immobile e Fernando Llorente, ceduto proprio 24 ore prima del sorteggio.

Infine troviamo il Borussia Moenchengladbach, outsider tedesca che non fa tanto paura ma che comunque non è da sottovalutare. Non ci sono grandi nomi in rosa ma aver raggiunto il terzo posto in un campionato competitivo come la Bundesliga vorrà pur dire qualcosa.

Il girone della Roma di Champions League 2015-2016

Non è irresistibile il girone della Roma, nonostante i giallorossi partissero da una situazione di svantaggio. La big del girone è il Barcellona campione d’Europa. Il Barça non ha bisogno di presentazioni, per lei parla solo il tridente d’attacco formato da Messi, Neymar e Suarez per comprendere il potenziale offensivo. Casomai si può sperare in qualche calo di forma visto che, a causa del mercato bloccato, il Barcellona si è ritrovato a cedere senza poter comprare, ha la panchina corta e così, in caso di infortuni o squalifiche, potrebbe avere non poche difficoltà contro la Roma.

La seconda squadra, quella con la quale la Roma dovrà contendersi il secondo posto, è il Bayer Leverkusen che di recente ha eliminato i “cugini” della Lazio. Il Bayer non ha delle stelle di primissimo piano se non il bomber Kiessling e il fantasista Calhanoglu, ma dispone di un collettivo molto interessante e in casa è molto difficile avere la meglio su di lui. Il 3-0 inflitto alla Lazio dice molto sulla pericolosità della squadra di Schmidt.

Infine la Roma è capitata con il Bate Borisov, teoricamente la squadra materasso del girone. I bielorussi non sono una squadra da sottovalutare perché partecipa ininterrottamente alle competizioni europee da una quindicina d’anni e dunque ha esperienza sufficiente per mettere in difficoltà chiunque, specialmente in casa.

Tutti i gironi di Champions League 2015-2016

Group A: Paris Saint-Germain, Real Madrid, Shakhtar Donetsk, Malmö

Group B: PSV Eindhoven, Manchester United, CSKA Moskva, Wolfsburg

Group C: Benfica, Atlético, Galatasaray, Astana

Group D: Juventus, Manchester City, Sevilla, Borussia Mönchengladbach

Group E: Barcelona, Bayer Leverkusen, Roma, BATE Borisov

Group F: Bayern München, Arsenal, Olympiacos, Dinamo Zagreb

Group G: Chelsea, Porto, Dynamo Kyiv, Maccabi Tel-Aviv

Group H: Zenit, Valencia, Lyon, Gent

La prima giornata si disputerà i prossimi 15 e 16 settembre.

Potrebbe interessarti anche:

mondiale 2018

Mondiale 2018: qualificate, play-offs e composizione gironi finale

L'Italia dovrà passare dai play-offs per qualificarsi al Mondiale 2018.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.