Home / Attualità / Economia e Risparmio / Quando finirà la crisi? Per l’FMI non prima di 20 anni!

Quando finirà la crisi? Per l’FMI non prima di 20 anni!

crisi economica

Stando ai freddi numeri, la crisi economica che attanaglia l’Europa e soprattutto l’Italia dal 2005 sarebbe già finita, o quasi. Guardando però l’economia reale, ci vorranno almeno altri vent’anni per far sì che il nostro Paese ritorni ai livelli di occupazione dei primi anni del 2000. Lo conferma il Fondo Monetario Internazionale che ha fatto il punto della situazione sulla crisi economica dell’Eurozona. Una crisi dalla quale solo la Germania è finora uscita, ma che vede la lenta ripresa in altri Paesi come Francia e Spagna.

Cosa dicono i dati economici sulla crisi

Se la crisi, come vogliono farci credere i politici e gli economisti, fosse solo un problema di cifre, l’Italia ormai ne sarebbe fuori. Dopo un decennio di stagnazione e recessione, gli ultimi dati macroeconomici sorridono all’Italia. Il Pil ha ripreso a salire e il tasso di crescita, seppur dello 0,1%, c’è. Ma purtroppo questi dati molte volte sono frutto di manovre di contabilità statale più che un riflesso dell’economia reale, e perciò lasciano il tempo che trovano.

Analizzando i dati italiani, l’Fmi dice che la recessione è finita, ma siamo tutt’altro che fuori pericolo.

I dati reali parlano di una generazione persa

Un’intera generazione di italiani è stata bruciata. Lo certifica lo studio dell’Fmi che, dopo oltre un milione di posti di lavoro persi nell’ultimo decennio sottolinea che per rientrare ai livelli di disoccupazione del periodo precedente alla crisi, cioè tra la fine degli anni ’90 e i primi anni del 2000 in cui il tasso di disoccupazione in Italia era inferiore all’8%, ci vorranno altri vent’anni. Oggi infatti, secondo i dati di aprile scorso che sono i più completi, il tasso di disoccupazione in Italia è del 12,4% con punte anche superiori al 20% al Sud. Nel 2004 la disoccupazione giovanile (15-29 anni) era al 17,5%, oggi è al 32,4%: quasi raddoppiata.

Per far sì che l’Italia esca dalla crisi e ritorni ad avere livelli di occupazione accettabili, il Fondo Monetario Internazionale ha anche rilasciato una specie di ricetta:

  • Applicare una riforma della pubblica amministrazione per fare in modo che si occupi di risorse umane;
  • Migliorare la giustizia civile;
  • Riformare il lavoro in modo da prevedere anche una forma di sostegno al reddito;
  • Maggiore flessibilità dei contratti salariali;
  • Aumentare la concorrenza in alcuni settori che oggi sono quasi monopolistici.

Il Governo Renzi non è molto d’accordo con le stime del FMI perché avendo già intrapreso alcune di queste riforme ritiene che ci voglia molto meno per uscire definitivamente dalla crisi. Speriamo abbia ragione.

Potrebbe interessarti anche:

partita iva costi

Partita IVA costi 2018 regime forfettario e normale

Quali costi si devono sostenere in fase di apertura della Partita IVA e quelli da sostenere durante l'anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.