Home / Salute / Tagli alla sanità: Renzi annuncia -10 miliardi di ‘costi inutili’

Tagli alla sanità: Renzi annuncia -10 miliardi di ‘costi inutili’

tagli alla sanità

Ogni governo promette che non ci saranno tagli alla sanità, ma poi puntualmente ecco arrivare l’ennesima sforbiciata al sistema sanitario nazionale. Anche per quest’anno aspettiamoci un’ulteriore taglio, di almeno 10 miliardi di euro, che Renzi ha deciso per recuperare le somme necessarie ad attuare le riforme. L’unico aspetto positivo è che, come afferma Beatrice Lorenzin, Ministro della Salute, non saranno tagli lineari (cioè non si taglierà in modo uguale per tutti), ma si tratta piuttosto di una razionalizzazione delle spese. Cosa significa lo capiremo meglio più avanti.

Eliminati gli esami inutili

Il risparmio di 10 miliardi di euro il Governo intende attuarlo essenzialmente con una mossa: l’eliminazione degli esami inutili. Per esami inutili si intendono il taglio dei controlli specialistici non necessari, cioè quelli che non sono vitali per la sopravvivenza del paziente, e quelli denominati “difensivi”, quei controlli che i medici prescrivono non tanto perché sanno che servono, ma per tutelarsi contro eventuali denunce.

Più nel particolare, per quanto riguarda i controlli specialistici, il Ministero della Salute redigerà un elenco nel quale compaiono le visite e gli esami di laboratorio che sono fondamentali per i pazienti malati; tutti gli altri, di fatto quelli che non comportano correlazioni con rischi vitali, non saranno più pagati dal Sistema Sanitario Nazionale, ma se il paziente vorrà sostenerli, dovrà pagarseli di tasca propria.

Per quanto riguarda il fenomeno della “medicina difensiva”, si tratta di un fenomeno tutto italiano che vede molti medici prescrivere esami superflui ai pazienti che li metterebbero al riparo da eventuali vertenze giudiziarie. Per eliminare questo fenomeno il Governo ha deciso che, nell’ambito dei tagli alla sanità, qualunque medico fosse scoperto ad ordinare un “esame difensivo” vedrebbe tagliarsi parte dello stipendio.

Obiettivo: risparmio di 10 miliardi

Secondo il commissario alla spesa pubblica Gutgeld, il problema dell’Italia è che ci sono ospedali virtuosi ed ospedali con buchi di bilancio di miliardi di euro. L’obiettivo di questi tagli alla sanità è proprio quello di razionalizzare la spesa (per almeno 10 miliardi) in modo da rendere impossibili o almeno molto difficili tali sprechi, pena multe per le strutture sanitarie non in regola che andranno a compensare eventuali spese non necessarie. Infine, per recuperare ulteriori fondi, sono state ridotte le cosiddette stazioni appaltate, ovvero i servizi per i rifornimenti degli ospedali, ad appena 30, in modo da poterle controllare meglio e bloccare il fastidioso fenomeno tutto italiano per cui qualsiasi materiale sanitario, dalla siringa fino al macchinario più tecnologico, costa all’amministrazione pubblica 2-3 volte rispetto a quanto costa sul mercato privato.

Foto: Freeimages

Potrebbe interessarti anche:

denti gialli rimedi naturali

Denti gialli: come sbiancarli con i prodotti e i rimedi naturali più efficaci

I denti gialli rovinano il tuo sorriso? Ecco come sbiancarli con i migliori prodotti in commercio e i rimedi naturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.