Home / Attualità / Cronaca / Terroristi in Italia: arrestati 10 presunti affiliati Isis

Terroristi in Italia: arrestati 10 presunti affiliati Isis

terroristi in italia

I terroristi sono anche in Italia. L’Isis è tra noi, e i nostri servizi segreti lo sanno. Nel silenzio, lontano dai riflettori, gli 007 italiani controllano, seguono e, di tanto in tanto, arrestano. È accaduto stamattina, all’alba, quando un blitz contemporaneo in diverse città ha portato in carcere 10 persone accusate di associazione terroristica. Tutte sarebbero riconducibili all’autoproclamato Califfato islamico, in altre parole all’Isis.

Chi sono i terroristi arrestati in Italia

Le indagini sui terroristi in Italia sono partite da quella famosa Maria Giulia Sergio, la ragazza di 28 anni che, ormai è di dominio pubblico, da oltre un anno si è arruolata con l’Isis in Siria. Intercettando i suoi parenti, i servizi segreti hanno scoperto che era riuscita a convincere a partecipare alla Guerra Santa anche madre, padre e sorella. Ma non solo li ha convinti a partire per la Siria, li ha anche spinti ad arruolare altre persone, tutte arrestate oggi. Si tratta di cinque albanesi residenti in Toscana ed una ragazza di Bologna ma di nazionalità canadese. La decima, che è ancora ricercata, è la suocera di Maria Giulia Sergio, anch’essa italiana. Agghiaccianti le intercettazioni:

Noi dobbiamo odiare i miscredenti, a questa gente deve essere tagliata la testa […] Papà, tu sei chiamato dall’Islam, tu comandi in casa: prendi la mamma per i capelli e portala qui in Siria. Tu sei il marito, lei è obbligata a obbedire […] Prima abbiamo fatto la guerra, poi abbiamo bruciato le chiese. E ora abbiamo tutta la Siria.

Tutta la famiglia Sergio era intercettata da tempo e gli inquirenti la tenevano d’occhio, ma si è deciso di far scattare gli arresti in quanto in questi ultimi giorni la famiglia aveva messo in vendita i mobili ed aveva rinnovato l’unico passaporto scaduto: era evidente che si stessero preparando a partire per la Siria.

Tanti gli attentati sventati in questi anni

Cominciano a venire alla luce anche i primi casi di terroristi arrestati in Italia o attentati sventati. Come riporta oggi Repubblica, nel 2012 sono stati arrestati due giovani indo-pachistani per avere ucciso due bresciani, moglie e marito, perché si erano recati al mare in costume da bagno. Ad incastrarli alcune foto dei cadaveri rinvenute sul loro telefonino; più di recente è stata sgominata una cellula di Al Qaeda in Sardegna che serviva da ponte tra Occidente e Medio Oriente: 11 arrestati e 20 indagati. Nel 2010 invece è stata scoperta a Roma la “banca” dei terroristi in Italia: un milione di dollari e armi, un arsenale pronto per la guerra. Sarebbe dovuto servire per un attentato, che poi non è mai avvenuto, al Vaticano. L’Italia dunque non è immune dal terrorismo o dall’Isis, e gli arresti di oggi dimostrano che l’attenzione non deve mai essere abbassata.

Potrebbe interessarti anche:

libertà di stampa 2016

Libertà di stampa 2016: l’Italia perde altre quattro posizioni

La libertà di stampa in Italia sta diventando sempre più un optional, perse altre 4 posizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.