Home / Videogiochi / PES 2016: dalla Master League alle esultanze, tutte le novità

PES 2016: dalla Master League alle esultanze, tutte le novità

novità pes 2016

Ieri, 12 giugno 2015, è stata la giornata di PES 2016. O come Konami l’ha ribattezzata, è stato il PES Day. È stato il giorno del gran reveal nel quale sono stati svelati il nuovo trailer del gioco (qui sotto) e le novità di questa edizione. Delle novità davvero pazzesche che potrebbero permettere a PES 2016 di recuperare il gap con FIFA, missione fallita lo scorso anno, nonostante il titolo di Konami fosse stato eletto miglior gioco sportivo dell’anno.

Le novità nelle licenze

Le licenze, che sono da sempre il cruccio principale della saga, potrebbero essere il punto forte di PES 2016. Gli sviluppatori hanno infatti annunciato la presenza, in esclusiva, della Champions League e dell’Europa League, oltre che delle altre coppe continentali di Sudamerica e Asia. Questa era una delle richieste più impellenti fatte dal pubblico a FIFA e così l’aver strappato, ancora una volta, le licenze Uefa, peraltro per i prossimi 3 anni, darà a PES 2016 una marcia in più non indifferente.

Per quanto riguarda le altre licenze dei campionati nazionali, non dovrebbero esserci grosse novità rispetto al passato. Nonostante non avremo sicuramente la Bundesliga (esclusiva di EA) e molte squadre inglesi avranno i nomi taroccati, per la prima volta Konami ha previsto la possibilità di importare i kit e gli stemmi direttamente su console. Ciò significa che molto probabilmente, dopo l’uscita del gioco originale, gli sviluppatori metteranno in rete un file con le licenze ufficiali, in modo da aggirare l’ostacolo e permetterci di avere tutte le squadre con i nomi corretti. L’unico problema di questa funzione è che sarà prevista solo su PlayStation 3 e 4, dunque gli utenti Xbox dovranno ancora modificare a mano i nomi.

Novità nel gameplay di PES 2016

I miglioramenti previsti riguardano soprattutto la fisica e vanno dal sistema di collisioni avanzato ai contrasti aerei, fino al controllo di palla nell’1 contro 1 per permettere di avere una risposta virtuale sempre più simile a quella reale. Inoltre Konami comunica che in PES 2016 l’intelligenza artificiale, soprattutto della difesa, è ulteriormente migliorata rispetto all’anno scorso, con i calciatori che si lanciano meglio negli spazi e migliorano il tempismo degli interventi. Anche i portieri sono stati modificati, aggiungendo alcuni parametri che li renderanno sempre più unici.

Tra le aggiunte “di contorno” spicca la possibilità di controllare le esultanze, come già accade per esempio in FIFA. Dopo un gol infatti sarà possibile decidere come il nostro giocatore esulterà in base alla pressione dei tasti in sequenza. Infine migliorano anche gli aspetti grafici con un’interazione ancora più realistica con le condizioni metereologiche.

Modalità di gioco in PES 2016

Anche se le modalità di gioco di PES 2016 resteranno all’incirca le stesse del passato, il modo in cui si potranno svolgere sarà diverso. Già a partire dai menu infatti notiamo un certo stacco rispetto al passato dato che, dopo oltre un decennio, saranno finalmente cambiati. Avremo una nuova Master League, con un sistema di trasferimenti completamente rivisitato e la possibilità di gestire la squadra in modo manageriale anche al di fuori del terreno di gioco. I maggiori cambiamenti sono stati apportati alla modalità in single player, quella nella quale la Master League è maggiormente giocata.

Avremo poi l’immancabile MyClub, introdotto in PES 2015, che è stato rivisto secondo le indicazioni arrivate dalla community. Cambiano per esempio il sistema di crescita del giocatore e l’inserimento di alcuni giocatori esclusivi per questa modalità. I GP ottenuti nelle partite serviranno finalmente a qualcosa, permettendo probabilmente anche di sbloccare dei bonus, oltre che di gestire al meglio la propria squadra.

Bonus pre-order ed edizioni speciali

Infine sono stati resi noti anche i bonus pre-order e le edizioni speciali di PES 2016. Probabilmente in futuro se ne aggiungeranno altre, ma queste sono quelle già note.

Day 1 Edition (pre-order per tutti):

  • Neymar in prestito per un anno per la propria squadra
  • Un altro giocatore in prestito tratto dalla Team of the Year dell’anno scorso
  • 10 mila GP per 10 settimane
  • 10 oggetti di recupero
  • 3 contratti giocatore

Anniversary Edition (solo PS3 e PS4)

  • Neymar in prestito per un anno per la propria squadra
  • Un altro giocatore in prestito tratto dalla Team of the Year dell’anno scorso
  • 10 mila GP per 20 settimane
  • 20 oggetti di recupero
  • 5 contratti giocatore
  • 1000 monete MyClub
  • Steelbook

Digital Pre-Order (solo in digitale su PSN)

  • Neymar in prestito per un anno per la propria squadra
  • Un altro giocatore in prestito tratto dalla Team of the Year dell’anno scorso
  • 10 mila GP per 20 settimane
  • 20 oggetti di recupero
  • 5 contratti giocatore

L’uscita di PES 2016 è prevista per il mercato italiano per il 17 settembre su PS3, PS4, Xbox 360, Xbox One e PC.

Potrebbe interessarti anche:

PES 2020

PES 2020: tutte le maglie, loghi e nomi originali delle squadre in un file

La guida ai nomi reali delle squadre fake di PES 2020 e il file per installare le maglie e le competizioni originali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.