Home / Attualità / Cronaca / Le Regioni con più migranti sono al Sud: la mappa

Le Regioni con più migranti sono al Sud: la mappa

classifica delle regioni con più migranti

Il Nord ha troppi migranti, non ne vogliamo più. Si può riassumere così il pensiero dei governatori leghisti Maroni e Zaia che, nei giorni scorsi, hanno scaricato sul Governo, e sui colleghi meridionali, la bomba immigrazione. Secondo i due principali oppositori alla politica di suddivisione dei migranti, il Nord ha già fatto la sua parte e non può più accoglierne altri. Ma sarà davvero così?

La classifica delle Regioni con più migranti

A guardare le cifre assolute, avrebbe ragione soltanto Maroni. La Lombardia infatti è la terza Regione d’Italia che ospita richiedenti asilo politico, provenienti quasi esclusivamente dall’Africa. Al primo posto, per ovvie ragioni geografiche, c’è la Sicilia che, secondo i calcoli dell’Istat, ad oggi ospita oltre 16 mila disperati. Secondo sarebbe il Lazio, con tutti gli scandali di Mafia Capitale che ben conosciamo e che coinvolgono proprio i richiedenti asilo, con 8.611 immigrati, seguito proprio dalla Lombardia che ne accoglie circa duemila in meno.

Subito dopo troviamo Campania e Puglia a parimerito all’incirca sui 5500, poi Calabria, Piemonte ed Emilia Romagna tra i tre e i quattromila immigrati, e poi Toscana, Veneto, Marche, Friuli Venezia Giulia tutti poco sopra i duemila, Sardegna, la Liguria del ribelle Toti quattordicesima, Molise, Umbria, Abruzzo Basilicata e Trentino Alto Adige. Chiude la piccola Val d’Aosta con appena 62 richiedenti asilo politico.

Rapporto migranti/popolazione, la Lombardia è all’ultimo posto

Ma la ripartizione del “peso” dei migranti non si fa in termini assoluti. Una Regione grande, popolosa e soprattutto ricca come la Lombardia non può avere gli stessi criteri di una Regione piccola, poco abitata e di certo meno ricca come il Molise. Eppure, analizzando il rapporto immigrati/abitanti residenti, il Molise ospita 6 volte più persone della Regione di Maroni. E se la Lombardia è all’ultimo posto della graduatoria che tiene conto del rapporto migranti/abitanti, paradossalmente al penultimo c’è proprio il Veneto di Zaia.

Tenendo conto di questo diverso metodo di calcolo, è il Molise la Regione che sta sostenendo il maggiore sforzo di solidarietà, seguito da Sicilia, Calabria, Basilicata e Friuli Venezia Giulia. Infine, a confutare ulteriormente la teoria di Zaia, il quale appena due giorni fa diceva che il Veneto ospita l’11% della popolazione straniera e dunque non può ospitare altri immigrati, c’è una semplice constatazione: non si può confondere la popolazione straniera residente con gli immigranti richiedenti asilo. In quest’ultima categoria rientra quella folta schiera di persone disperate che scappano dalla guerra; nella prima ci sono il commerciante che vende khebab, il ristoratore cinese, il traduttore russo e perché no, anche i calciatori che ogni domenica fanno esultare i tifosi dell’Hellas, del Chievo, del Padova e delle altre squadre venete. E soprattutto che pagano le tasse e permettono al Veneto di essere una delle Regioni più ricche d’Italia.

Foto: Noborder Network su Flickr

Potrebbe interessarti anche:

libertà di stampa 2016

Libertà di stampa 2016: l’Italia perde altre quattro posizioni

La libertà di stampa in Italia sta diventando sempre più un optional, perse altre 4 posizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.