Home / Attualità / Economia e Risparmio / Università italiane: Bocconi è quella che fa guadagnare di più

Università italiane: Bocconi è quella che fa guadagnare di più

università bocconi milano

Quale università scegliere dopo le scuole superiori? Semplice: se siete in grado di sostenere i costi, la Bocconi è l’Università italiana più conveniente. Che gran scoperta, starete pensando. È risaputo infatti che uscire dalla Bocconi è una garanzia perché i laureati del prestigioso ateneo milanese sono quelli che trovano lavoro più facilmente. Secondo l’indagine JobPricing mediamente già nei primi 10 anni successivi alla laurea, il neo-lavoratore arriva a guadagnare quasi 35 mila euro annui, roba che nemmeno dopo vent’anni di carriera altri laureati di diverse università sono in grado di fare.

La Bocconi costa (fino a 10-11 mila euro annui al massimo), è vero, ma secondo il report bastano circa 13 anni e mezzo per ripagarsi l’investimento, con la consapevolezza che poi un laureato alla Bocconi, man mano che passano gli anni, fa carriera piuttosto velocemente e vede il suo stipendio crescere fino a raddoppiare o anche di più. Ad oggi in Italia il 23% degli studenti usciti dalla Bocconi occupa un ruolo dirigenziale e il 34% è un quadro: insomma carriera assicurata.

Le altre Università italiane più redditizie

Ma della Bocconi si sapeva già: quali sono le altre Università italiane che fanno guadagnare di più dopo la laurea? Secondo l’indagine di JobPricing bisogna restare a Milano. Sul secondo gradino infatti c’è il Politecnico che promette stipendi nei primi 10 anni di carriera post-laurea di circa 32 mila euro. Qui l’indice di Payback, cioè il tempo che si impiega per recuperare il costo, è inferiore, dagli 11 ai 13 anni. Anche sul gradino più basso del podio troviamo un ateneo milanese, è l’Università Cattolica che permette una retribuzione media leggermente inferiore a quella del Politecnico, ma un tempo per ripagare l’investimento leggermente maggiore, fino a superare i 14 anni.

Fuori da Milano

Bisogna scendere al quarto posto per trovare la prima delle Università italiane più redditizie che non si trovino a Milano. La prima di questa speciale graduatoria è la Luiss di Roma, altro ateneo molto costoso ma che permette di guadagnare mediamente, una volta terminati gli studi, circa 31 mila euro annui, con la possibilità di arrivare a raddoppiare tale cifra verso la fine della carriera. Qui ci possono volere 14-15 anni per recuperare il costo dell’investimento. Ancora Roma al quinto posto con l’Università di Tor Vergata con una retribuzione media di 30.230 euro nei primi 10 anni dopo la laurea e fino a 16 anni per recuperare l’investimento.

Seguono al sesto posto l’Università di Perugia, la Sapienza di Roma, l’Università di Pavia, quella di Genova e quella di Parma, tutte con stipendi nei primi 10 anni di lavoro che variano intorno ai 30 mila euro e che consentono di recuperare il costo dell’investimento dai 14 ai 15 anni in media.

Fonte: il Sole 24 Ore

Potrebbe interessarti anche:

conguaglio bollette

Conguaglio bollette: è possibile non pagarlo, guida alla contestazione

Nonostante sia illegale, alcuni gestori continuano a mandare conguagli di oltre 2 anni: ecco come fare ricorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.