Home / Salute / Medicina / Lingua gialla: cause e rimedi fai da te

Lingua gialla: cause e rimedi fai da te

lingua gialla cause

La lingua gialla può essere un disturbo antiestetico, ma che non sempre manifesta un problema fisico grave. Nella maggior parte dei casi infatti è causata da una patina batterica facilmente eliminabile, anche se non va sottovalutata in caso dovesse perdurare a lungo. Solitamente il colorito sgradevole si può risolvere con qualche piccola contromisura fai da te, ma se così non dovesse passare è bene consultare un medico.

Alle volte la lingua gialla può dare la sensazione di essere villosa. In realtà non compaiono dei peli ma le papille gustative assumono una consistenza simile a quella dei capelli. La lingua gialla è molto comune dopo un piercing, ma va tenuta particolarmente d’occhio solo se accompagnata anche da alito cattivo.

Lingua gialla: le cause più comuni

Le cause della lingua gialla possono essere molteplici e di diversa entità. Le meno preoccupanti sono la presenza di alcuni batteri che, di fatto, colorano la lingua (può accadere anche in seguito alla consumazione di alcuni cibi e bevande), disidratazione e la leucoplachia, ovvero una cheritinizzazione della lingua causata da fumo o alcool. Altre più serie possono essere ittero che a sua volta può indicare problemi al fegato o alla cistifellea; il lichen planus, una disordine immunitario accompagnato da chiazze bianche nella bocca; oppure un’infezione, diabete, deficienza di vitamina B o ferro, e sifilide. Ad alcune età, per esempio nei neonati, a volte la lingua gialla o bianca sono normali. Più spesso la lingua gialla è semplicemente sintomo di scarsa igiene orale.

Rimedi per la lingua gialla

La prima contromisura da prendere quando si nota la lingua gialla è lavarsi i denti, stando bene attenti a strofinare sulla lingua, se possibile in maniera molto decisa. Nella maggior parte dei casi infatti la lingua gialla è dovuta a scarsa igiene orale o alla presenza dei batteri che, dopo alcuni lavaggi, vanno via. Se però, dopo un paio di settimane di lavaggio accurato dei denti e limitazione dei fattori di rischio come fumo, caffeina e alcool, la lingua non ritorna del suo colore naturale, è il caso di consultare un medico.

Altro segnale da tenere di conto per capire se si tratta di un sintomo di una malattia più seria è la presenza dell’alito cattivo. L’alitosi infatti può segnalare la leucoplachia, il lichen planus o qualche altro tipo di infezione. In questo caso il consiglio è di visitare un dentista che saprà certamente quale rimedio indicare a seconda del problema. I rimedi in questi casi possono essere lievi come l’uso del colluttorio, spray antibatterici o compresse, fino a vere e proprie terapie antibiotiche per combattere l’infezione. Non assumere antibiotici senza l’ok del medico. Se la lingua gialla è causata invece da altre malattie come una disfunzione al fegato per esempio, bisogna risolvere la causa primaria prima di agire sulla lingua.

Infine, se la lingua gialla compare dopo un piercing, è normale e bisogna stare attenti quando ci si lava i denti ad evitare di sfregare sulla lingua per non irritarla. Il colorito giallo dovrebbe passare dopo pochi giorni. Se non passa, consultare il medico.

Fonti: Informazionimediche; Nhs; Mayoclinic; fisioterapiarubiera
Foto: Freeimages

Disclaimer

Potrebbe interessarti anche:

vampate di calore negli uomini

Vampate di calore negli uomini: le cause e i rimedi più efficaci

Le vampate di calore negli uomini si manifestano con gli stessi sintomi delle donne, ma le cause e i rimedi sono diversi: ecco quali.