Home / Attualità / Economia e Risparmio / Il lavoro c’è ma non si trova: le figure più ricercate nel 2015

Il lavoro c’è ma non si trova: le figure più ricercate nel 2015

lavori più ricercati

Altro che crisi. Secondo l’agenzia interinale Manpower in Italia sono tantissime le figure lavorative ricercate dalle aziende da mesi, se non anni, che però non riescono a trovare. E in un periodo in cui c’è molta crisi e la disoccupazione dilaga, forse qualcuno farebbe bene a specializzarsi in uno dei seguenti mestieri perché troverebbe impiego immediatamente. Se però le aziende fanno tanta fatica a trovare queste figure professionali, un motivo ci sarà. E lo vediamo nella nostra panoramica.

Operai specializzati: sono tra le figure maggiormente ricercate anche nei centri più piccoli. Dall’idraulico all’elettricista, passando al saldatore, pressatore e ad altre figure simili. Sono migliaia le offerte di lavoro in questo settore, un settore che non paga nemmeno poco visto che ha una media di 2000 – 2500 euro al mese di stipendio. Ma allora perché non si trovano operai specializzati? A parte le chiare difficoltà del lavoro, il problema è che si ricercano spesso figure con molta esperienza. Ma trattandosi di lavori temporanei, un giovane che ha voglia di crearsela questa esperienza molto spesso fa fatica. Inoltre le offerte non sono mai molto allettanti (si lavora per poche settimane o mesi), e questo contribuisce a creare sempre meno manodopera specializzata.

Segretari amministrativi: il lavoro del back office è molto ambito, ma non si trovano persone in grado di farlo: perché? Prima di tutto per la remunerazione, siamo nell’ordine dei 21-22 mila euro annui lordi; ma poi anche perché le richieste delle aziende sono esagerate. Una persona che viene assunta per fare questo lavoro di solito non solo deve avere le capacità di segretariato, ma dev’essere anche una specie di contabile, programmatore, centralinista, non deve avere orari e molto spesso si richiedono anche troppi anni di esperienza, il che restringe molto il campo visto che, quando un’azienda trova una figura così completa, se la tiene stretta.

Rappresentanti: è uno dei lavori più ricercati, nonostante non richieda grossi requisiti. Il motivo è che, escludendo qualche grande azienda, per il resto si tratta di lavori frustranti per i quali la retribuzione è minima, si rischiano periodi in cui non si guadagna niente e alle volte ci si rimette pure la benzina per gli spostamenti.

Contabili: i professionisti contabili sono ricercatissimi perché si tratta di un lavoro molto complesso che non tutti sono in grado di fare. Vengono poi scoraggiati molti giovani ad intraprendere questa carriera dallo stipendio basso iniziale, nonostante la forte responsabilità: sotto i 1500 euro mensili. Man mano che la carriera procede lo stipendio aumenta però, e si raggiungono anche soglie consistenti. Altro ostacolo è che oggi viene sempre più spesso richiesta la conoscenza di una o più lingue straniere, e chi ha fatto studi matematici difficilmente ha dimestichezza con le lingue.

Professionisti IT: si tratta di un lavoro sicuro e ben pagato, ma perché non si trovano esperti di Information Technology in Italia? Qui la colpa è dell’università che non prepara a dovere i nostri ragazzi, il gap di istruzione tecnologica italiana rispetto ad altri Paesi è molto rilevante, e per questo motivo è più facile formarsi all’estero e tornare in Italia piuttosto che terminare gli studi qui e trovare lavoro. Anche perché molto spesso le aziende chiedono un’esperienza che chi è appena uscito dall’università difficilmente ha.

Sales Manager: come per i professionisti IT, anche questa figura guadagna tanto (nell’ordine dei 100 mila euro annui) e ha poca concorrenza. Ma perché non si trovano direttori vendite? I motivi sono i ritmi di lavoro pesanti, ai quali non molti sono disposti a sottostare (trasferte continue a volte della durata di mesi o di anni e giornate di lavoro che praticamente non finiscono mai), e la richiesta di un’esperienza spesso pluriennale che però è difficile da ottenere. Se un’azienda trova un sales manager, difficilmente lo lascerà andar via.

Medici e operatori sanitari: tantissimi studenti intraprendono il percorso sanitario, ma poi perché le aziende ospedaliere italiane non trovano addetti ai lavori? I motivi sono due: la burocrazia (i concorsi escludono dalla graduatoria molte persone e altre devono aspettare anni per essere assunte) e le retribuzioni basse in entrata. Di solito, i primi anni successivi alla laurea, si guadagna poco più di 1500 euro al mese. All’estero, con le stesse competenze, si possono ottenere stipendi doppi o addirittura tripli (come nel caso della Gran Bretagna).

Potrebbe interessarti anche:

partita iva costi

Partita IVA costi 2018 regime forfettario e normale

Quali costi si devono sostenere in fase di apertura della Partita IVA e quelli da sostenere durante l'anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.