Home / Attualità / Economia e Risparmio / Il Relax Banking conviene?

Il Relax Banking conviene?

relax banking

Nel mondo tecnologico nel quale viviamo oggi, fatto di applicazioni e rapporti virtuali, le banche sono state tra le prime ad adattarsi a questo cambiamento. Purtroppo non sono stati altrettanto veloci i loro clienti, probabilmente anche a causa delle tanti frodi informatiche, hacker e tutti gli altri disagi che si sono susseguiti negli scorsi anni, dagli albori di internet fino ad oggi. Per cercare di conciliare le esigenze di una clientela che, pian piano si sta informatizzando con la necessità delle banche di fornire sempre più servizi per effettuare operazioni il più comodamente possibile, da qualche anno è nato il Relax Banking. Ma di cosa si tratta?

Cos’è il Relax Banking

Il Relax Banking non è altro che una semplice app per telefonino. L’applicazione è indipendente, non fa capo a nessuna banca, ma “lavora” in collaborazione con le Banche di Credito Cooperativo. Quando una banca non offre servizi online a sufficienza, come per esempio accade in molte banche piccole che hanno una portata cittadina, provinciale o al massimo regionale, interviene lo staff di Relax Banking che effettua una convenzione con tali banche per permettere ai clienti di effettuare operazioni online che altrimenti non potrebbero realizzare.

Il Relax Banking di fatto permette al cliente di una Banca di Credito Cooperativo, o di qualche altra banca minore, di effettuare bonifici, controllare lo stato del proprio conto ed effettuare tante altre operazioni di home banking direttamente dal proprio smartphone o tablet. Per chi possiede un conto di una grande banca non è una novità, quasi tutte le banche di livello nazionale già offrono questi servizi, ma non è così scontato per le piccole banche che, per ovvie ragioni di budget, non possono permettersi di fornire lo stesso servizio online.

Quando conviene il Relax Banking e quando no

L’app Relax Banking è certamente sicura, infatti il requisito principale richiesto ad un servizio bancario è proprio quello della sicurezza informatica. L’applicazione diventa conveniente quando ad esempio un utente non vuole recarsi presso lo sportello della propria banca per effettuare alcune operazioni semplici e veloci come una ricarica al cellulare, la consultazione di documenti o un bonifico. Inoltre l’applicazione è gratuita e non comporta alcun costo per le operazioni effettuate (ad esclusione dei costi già previsti dalla banca).

Non sempre e non a tutti però il Relax Banking conviene. Per chi infatti è correntista di una banca che offre già servizi online, significa avere un doppione di un servizio. Inoltre va specificato che utilizzare un servizio gratuito non significa che non si debba pagare nulla perché anche se il Relax Banking non ha un costo, l’imposta di bollo, ovvero i 34,20 euro che si pagano per questo genere di servizi, bisogna pagarla lo stesso. Dunque non è conveniente nel caso in cui la propria banca offra un servizio che si accolli tale imposta. Infine va specificato che non tutte le Banche di Credito Cooperativo aderiscono al Relax Banking, dunque può darsi che l’applicazione non possa essere utilizzata con la banca nella quale siete correntisti.

Foto: Freeimages

Potrebbe interessarti anche:

conguaglio bollette

Conguaglio bollette: è possibile non pagarlo, guida alla contestazione

Nonostante sia illegale, alcuni gestori continuano a mandare conguagli di oltre 2 anni: ecco come fare ricorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.