Home / Sport / Calcio / Champions League 2015-2016: il nuovo regolamento

Champions League 2015-2016: il nuovo regolamento

champions league nuovo regolamento

La prossima Champions League, 2015/2016, avrà un regolamento diverso per quanto riguarda la collocazione dei club nella fase a gironi. Se finora infatti le fasce per creare i gironi venivano stabilite in base al ranking Uefa (le prime 8 squadre del ranking erano in prima fascia, le seconde 8 in seconda, e così via), dall’anno prossimo cambierà tutto. Con il nuovo regolamento il ranking infatti varrà solo dalla seconda fascia perché in prima ci andranno le squadre vincitrici dei primi 8 campionati del ranking Uefa.

Il nuovo regolamento della Champions League

Nella stagione 2014-2015 il ranking Uefa diceva, nell’ordine, Spagna, Inghilterra, Germania, Italia, Portogallo, Francia, Russia e Olanda. Di conseguenza la prima fascia, quella delle teste di serie del prossimo anno, sarà composta da Barcellona, Chelsea, Bayern Monaco, Juventus, Benfica, PSG, Zenit e PSV. La scelta è stata presa probabilmente per evitare di avere gironi troppo scontati (spesso le prime due squadre erano troppo più forti delle altre due), ma così si rischia di creare gironi di ferro e gironi troppo noiosi.

Per esempio una squadra come la Juventus, che ha vinto il suo campionato, il prossimo anno sarà in prima fascia, e questo è un bene per i bianconeri. Ma rischia di ritrovarsi in seconda fascia club come Real Madrid, Manchester City o Arsenal che uniti a squadre come Bayer Leverkusen, Ajax ed altre ancora potrebbero creare un girone durissimo. Al contrario invece una squadra come il PSV Eindhoven ad esempio, attualmente trentesimo nel ranking per club, potrebbe ritrovarsi in compagnia di Olympiakos, Dinamo Kyev, Ludogorets o altre squadre minori, con poco interesse da parte della comunità di tifosi internazionale, e riscontri negativi dal punto di vista pubblicitario.

Detto dunque della Juventus sicura della prima fascia, cosa accadrà alle altre italiane? La Roma al momento è al 46esimo posto, se dovesse qualificarsi con ogni probabilità riuscirà a piazzarsi in terza fascia, ma rischiando addirittura la quarta; la Lazio, attualmente terza in Italia, detiene la posizione numero 40 e quindi vale più o meno lo stesso discorso dei giallorossi; il Napoli invece, se dovesse qualificarsi, potrebbe persino ambire alla seconda fascia, ma sicuramente non andrebbe oltre la terza, concludendo la stagione al ventesimo posto nel ranking Uefa.

Questa la probabile composizione della seconda fascia per i sorteggi: Real Madrid, Atletico Madrid, Porto, Arsenal, Manchester United (se passa i playoff), Valencia (se passa i playoff), Bayer Leverkusen (playoff), Manchester City. Forse la seconda fascia è più dura della prima.

Potrebbe interessarti anche:

mondiale 2018

Mondiale 2018: qualificate, play-offs e composizione gironi finale

L'Italia dovrà passare dai play-offs per qualificarsi al Mondiale 2018.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.