Home / Salute / Medicina / Ascelle irritate dopo la depilazione: rimedi naturali

Ascelle irritate dopo la depilazione: rimedi naturali

consigli ascelle irritate

Capita a quasi tutte le donne, e sempre più spesso anche agli uomini, di volersi radere le ascelle. C’è chi lo fa per un motivo estetico, chi per igiene, ma per quasi tutti la conseguenza è sempre la stessa: l’irritazione. Le ascelle irritate sono un grande cruccio per moltissime persone perché l’irritazione ascellare è quasi inevitabile dopo la ceretta o la depilazione con rasoio, ma d’altra parte non se ne può fare a meno.

Per alleviare il fastidio, o eliminarlo del tutto, bisogna capire perché le ascelle si irritano. Le cause delle ascelle irritate possono essere molteplici e vanno dall’utilizzo di prodotti troppo aggressivi fino alla sensibilità della pelle. Ma può anche darsi che l’irritazione derivi dallo sfregamento con i vestiti o per altri motivi ancora. I sintomi comuni sono arrossamento, prurito e fastidio, ma in alcuni casi a questi disagi si aggiungono desquamazione della pelle, eruzioni cutanee ed emissione di cattivi odori. In questo articolo non prenderemo in considerazione il prurito ascellare o altri disagi che provengono da alcune patologie, ma solo i casi di soggetti sani nei quali l’irritazione deriva dalla depilazione.

Rimedi naturali per alleviare le ascelle irritate e prevenire il fastidio

Se l’ascella è irritata, o se vi state per depilare e sapete che si irriterà, per prima cosa è consigliabile lavare le ascelle con un sapone delicato. Evitare quelli che presentano fragranze particolari perché contengono ingredienti irritanti. Prima di iniziare la depilazione bisogna bagnare ed insaponare bene l’ascella perché la pelle si ammorbidisce e si irrita di meno. Per questo motivo è consigliabile radersi sotto la doccia. Molte volte la causa dell’irritazione da depilazione è il rasoio sbagliato. Gli errori più comuni che si fanno sono: 1 – utilizzare un rasoio errato; 2 – usare un rasoio sporco; 3 – usare un rasoio vecchio. Il rasoio più adatto alle ascelle è un bilama che consente di effettuare solo uno o due passaggi: più passaggi si fanno infatti e maggiore è il rischio di irritazione. Il rasoio sporco può contenere qualche vecchio pelo dell’ultima volta che si è fatta la depilazione. I vecchi peli si induriscono sulla lama e rischiano di graffiare la pelle. Infine i rasoi vecchi sono poco efficaci e necessitano di più passaggi, dunque è consigliabile cambiare il rasoio dopo 2 o 3 depilazioni.

Per quanto riguarda la ceretta, è consigliabile sottoporsi a trattamento dall’estetista perché altrimenti si rischia di usare cerette scadenti o utilizzarle male, procurandosi solo tanto dolore senza ottenere i risultati desiderati. Negli ultimi tempi si stanno diffondendo le creme depilatorie che sembrano la soluzione migliore perché sono indolori: si spalmano sull’ascella e poi con il lavaggio si portano via i peli.

Cosa fare dopo la depilazione dell’ascella

Dopo avere lavato accuratamente l’ascella ed averla depilata, non lasciarla umida perché si crea l’ambiente ideale per la proliferazione dei batteri, ma asciugarla con un asciugamano pulito prima di indossare dei vestiti puliti. Evitare magliette strette che possano sfregare sull’ascella e dunque aumentare l’irritazione, almeno per il post-depilazione preferire le canottiere o le maglie larghe.

Per alleviare il bruciore è anche possibile usare delle creme o degli unguenti appositi che si trovano in tutte le farmacie, parafarmacie o erboristerie. Evitare di bere alcolici, caffeina, teina o energy drink perché favoriscono la disidratazione, seccano la pelle e aumentano di conseguenza l’irritazione. Al contrario è importante tenersi ben idratati con acqua, tisane o succo di frutta.

Infine, l’ultimo consiglio è di evitare di depilarvi quando c’è ancora l’ascella irritata. Finché il rossore e il bruciore non sono completamente passati, date tregua alle vostre ascelle.

Foto: Wikipedia

Disclaimer

Potrebbe interessarti anche:

dolore al pene cause

Dolore al pene: le possibili cause, dal priapismo al cancro alla vescica

Urologi e patologi ci spiegano quali possono essere le possibili cause del dolore al pene e gli altri sintomi preoccupanti a cui fare attenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.