Home / Sport / Calcio / Champions League, quarti di finale: i risultati dell’andata

Champions League, quarti di finale: i risultati dell’andata

champions league quarti di finale

Si sono concluse ieri sera le partite di andata dei quarti di finale della Champions League. Quasi tutti i pronostici sono stati rispettati, ma le sorprese non sono mancate. Andiamo a rivivere la giornata nelle nostre sintesi.

Juventus-Monaco 1-0: la gara in casa e il favore degli esperti non si sono visti molto allo Juventus Stadium. La truppa di Allegri infatti soffre molto contro un Monaco ben messo in campo e che le dà filo da torcere nel primo e nell’ultimo quarto d’ora di gara. La Juve domina a sprazzi, tiene in mano il pallino del gioco ma non dà mai l’impressione di essere tanto superiore agli avversari. Nel primo tempo le occasioni migliori con Tevez e Vidal che si divorano un gol a testa a due passi dalla porta, e Carrasco dall’altra parte che con una specie di rigore in movimento tira addosso a Buffon. Il rigore reale però lo ha la Juve nella ripresa per atterramento di Carvalho ai danni di Morata. Il fallo c’è, ma avviene fuori area. L’arbitro non se ne accorge ed assegna il penalty che Vidal trasforma sotto l’incrocio. Le occasioni finiscono qui e la Juve al ritorno passa se vince, pareggia, ed anche se perde con non più di un gol di scarto, segnando almeno un gol (cioè 2-1, 3-2, 4-3 e così via).

Atletico Madrid-Real Madrid 0-0: regge bene il fortino dell’Atletico contro un Real molto più ispirato e tecnicamente superiore. Simeone piazza un catenaccio che nemmeno Trapattoni, e grazie ad un Oblak in serata di grazia ferma le incursioni di Bale, Benzema e Cristiano Ronaldo. In tutta la gara l’Atletico si vede solo in un’occasione, ben neutralizzata da Casillas, mentre il Real ha almeno 4-5 nitide palle gol ma il portiere dell’Atletico è miracoloso. E ora nel ritorno sarà dura per il Real perché con un pareggio con reti passa l’Atletico.

PSG-Barcellona 1-3: disastro parigino in casa per gli uomini di Blanc senza parecchi titolari. Messi è ispirato ma a segnare sono i suoi colleghi. La Pulce coglie un palo dopo un quarto d’ora e pochi minuti dopo consegna nei piedi di Neymar un pallone da spingere in rete per lo 0-1. Il Barça è in controllo totale, i parigini si fanno vedere in avanti solo saltuariamente, e così sale in cattedra Suarez e con dribbling e tunnel si fa avanti per il secondo e terzo gol degli ospiti. Nel finale il PSG accorcia le distanze con un tiro da fuori deviato da Mathieu nella sua porta ma al ritorno ribaltare il risultato sarà quasi impossibile: dovrà vincere 0-3 o con un risultato più largo ancora.

Porto-Bayern Monaco 3-1: un Bayern che già pensava di aver passato il turno sottovaluta un Porto indemoniato in casa. Ma se ne accorge subito, dopo appena un minuto Martinez scippa il pallone ad Alonzo e Neuer lo stende. È calcio di rigore ma l’arbitro grazia il portiere e lo ammonisce soltanto. Dal dischetto Quaresma non sbaglia. Pochi minuti dopo altro errore difensivo, stavolta di Dante, e proprio Quaresma a tu per tu con Neuer segna il gol del 2-0. Il Bayern però, seppur con molti assenti, è una grande corazzata e trova il gol che dimezza lo svantaggio con Thiago Alcantara. A referto anche una traversa per il Porto prima del terzo gol, nella ripresa, di Jackson Martinez che approfitta dell’ennesimo errore difensivo di Boateng che prendere palla, superare Neuer e piazzare il gol del 3-1 definitivo. Il Bayern ora sarà costretto a segnare almeno due gol senza subirne per poter passare il turno.

Potrebbe interessarti anche:

ranking uefa

Ranking UEFA 2017: l’Italia punta al secondo posto

Il ranking UEFA aggiornato alla fine del 2017 sorride all'Italia, mai così in alto da 10 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.