Home / Attualità / Scienza e tecnologia / Facebook at Work, arriva il social per le aziende

Facebook at Work, arriva il social per le aziende

social network per aziende

Il vostro capo non potrà più impedirvi di usare Facebook. L’azienda di Mark Zuckerberg sta per lanciare dalla sua “costola” un nuovo social network: si chiama Facebook at Work ed è il social pensato per le aziende. Niente videogiochi né selfie, si tratta di un social network serio, talmente serio da essere a pagamento, e che le aziende saranno invogliate ad usare perché molto utile per scopi lavorativi.

Facebook at Work non è ancora nato, ma è un work in progress. Attualmente è in fase di prova presso alcune aziende americane selezionate e verrà reso disponibile sotto forma di applicazione sui dispositivi iOS e Android. Pur mantenendo il nome di “Facebook” però, del social che noi conosciamo bene conserverà poche funzioni, giusto quelle che si possono conciliare con il mondo del lavoro come i gruppi, gli eventi, le news feed e i messaggi. Piuttosto servirà per mettersi in contatto con i propri colleghi all’interno dell’azienda e con le aziende con le quali si collabora, per rendere la comunicazione professionale più rapida ed efficace.

Facebook at Work non andrà in concorrenza con Linkedin, che è un social professionale sul quale ognuno può “auto pubblicizzare” se stesso, ma sarà già un passo avanti rispetto a questa fase, visto che sarà utilizzato più per lavorare che per cercare lavoro. Piuttosto andrà in concorrenza con Yammer, piattaforma simile acquisita qualche anno fa da Microsoft ma che non ha mai definitivamente spiccato il volo.

Su Facebook at Work gli impiegati delle varie aziende condivideranno documenti o collaboreranno per stilarli, e per questo motivo si stanno già puntando i riflettori sulla politica di protezione dei dati visto che il social “padre” negli ultimi tempi è stato oggetto di critiche per attacchi hacker, furti di identità virtuali, ecc. Il test pilota servirà anche a questo. Chissà se mai lo vedremo anche in Italia.

Potrebbe interessarti anche:

smartphone

Smartphone distruttori: oggetti e business scomparsi dal mercato

Chi si ricorda più delle enciclopedie cartacee, di sveglie e navigatori satellitari?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.