Home / Attualità / Anita Ekberg è morta, la musa di Fellini si è spenta a 83 anni

Anita Ekberg è morta, la musa di Fellini si è spenta a 83 anni

morte di anita ekberg

Anita Ekberg è morta. L’attrice svedese, musa di Federico Fellini e simbolo di quella dolce vita che l’aveva consacrata nella storia del cinema, si è spenta all’età di 83 anni. Anita Ekberg ha detto addio alla vita proprio in quella Roma che l’aveva vista protagonista di scene cult, prima tra tutte l’indimenticato e indimenticabile bagno con Marcello Mastroianni nella fontana di Trevi.

L’attrice, malata da tempo, è deceduta all’ospedale San Raffaele di Rocca di Papa dopo un lungo ricovero. Anita Ekberg viveva a Genzano, in provincia di Roma. Era nata a Malmö il 29 settembre del 1931. Nel 1950, a soli 19 anni era diventata famosa in Svezia. Il suo fisico statuario e il suo splendido viso le erano infatti valsi la corona di Miss Svezia.

La partecipazione a Miss Universo le aprì le porte di Hollywood. Dopo una piccola parte nel film Viaggio sul pianeta Venere si ritaglia parti sempre più importanti senza però sfondare. Fu in Italia però che trovò l’America. Trasferitasi a Roma sul finire degli anni ’50, conobbe Fellini che le affidò la parte più importante della sua carriera ne La Dolce Vita. Il suo bagno nella Fontana di Trevi le fece fare il giro del mondo, sembrava l’inizio di una carriera sfavillante ma purtroppo non fu così. I suoi film successivi, da Chiamami Buana a Bianco, rosso, giallo, rosa, da Poirot e il caso Amanda a Stazione Luna non si avvicinarono nemmeno al successo de La Dolce Vita, e così le sue apparizioni al cinema negli anni ’70 e negli anni ’80 si fecero sempre più rade.

Negli ultimi anni l’abbiamo vista nella parte della mamma di Valeria Marini in Bambola di Bigas Luna, ne Il Nano Rosso e nella fiction Il Bello delle donne 2. La malattia però non le ha permesso di lavorare per oltre dieci anni, fino al suo decesso di questa mattina.

Potrebbe interessarti anche:

congedo di paternità

Congedo di paternità: come funziona in Italia e all’estero

Due giorni in Italia, 90 in Svezia, zero in Francia: Paese che vai, congedo parentale che trovi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.