Home / Ambiente / Clima / Riscaldamento globale: 2014 anno più caldo della storia

Riscaldamento globale: 2014 anno più caldo della storia

Se ti piace condividi!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

2014 anno record

Continua il trend di aumenti delle temperature terrestri. L’anno appena trascorso, il 2014, non è stato da meno e fa registrare temperature record. A dichiararlo è una delle quattro agenzie mondiali che effettuano rilevazioni sui cambiamenti climatici, la JMA o Agenzia Meterologica Giapponese. Secondo i nipponici, che effettuano tali rilevazioni dal lontano 1891, non c’è stato un anno nella storia recente dell’uomo più caldo di quello appena passato.

Nel 2014 infatti abbiamo superato la media delle temperature di 0,63 gradi, e quello che più preoccupa è che si tratta di un’andatura costante visto che dalla fine degli anni ’80 ad oggi le temperature mondiali medie sono salite sempre più, battendo ogni volta record su record. Non è un caso che negli ultimi 10 anni il picco sia stato registrato più volte. E dopotutto dovevamo aspettarcelo. L’inverno dell’anno scorso è stato talmente mite da non aver portato nemmeno la neve, se non ad altitudini più elevate, l’estate da noi non è stata molto calda ma in molte parti del mondo sono stati toccati i record di caldo e soprattutto siccità. Ed anche le stagioni autunnali e invernali che sono seguite sono state miti, ad esclusione soltanto dell’ultima settimana di dicembre. E anche il 2015 si prospetta fin troppo caldo.

A cosa va incontro il mondo? Certamente, dicono gli scienziati, ad un innalzamento delle temperature medie superiore ai 2 gradi. Un’eventualità che ormai solo un miracolo potrebbe evitare. Come sappiamo infatti, se le temperature superassero i 2 gradi di media sono previste diverse catastrofi naturali come aumento degli uragani in forza e quantità, scioglimento dei ghiacciai, incremento del livello del mare, siccità e carestie.

Ma c’è un modo per evitare che tutto ciò accada? A dire il vero uno ci sarebbe, ma è fantascienza. Lo propone uno studio congiunto dello University College britannico e il Potsdam Institute tedesco pubblicato su Nature. Secondo i suoi autori infatti, l’unico modo per evitare il riscaldamento globale a livelli pericolosi è smettere di utilizzare completamente i combustibili fossili per almeno 40 anni. Un’eventualità che però, verosimilmente, rimarrà solo sulla carta.

Foto: Freeimages

Lascia un commento

O

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

comments