Home / Attualità / Politica / Prodi nuovo Presidente della Repubblica? Renzi lo incontra

Prodi nuovo Presidente della Repubblica? Renzi lo incontra

romano prodi presidente della repubblica

Il Patto del Nazareno comprendeva anche il nome del Presidente della Repubblica. Con queste poche parole Silvio Berlusconi aveva tranciato di netto la possibilità che Romano Prodi fosse nominato Capo dello Stato dopo le dimissioni di Napolitano. E invece eccolo qui, tornare dall’Africa e sottoporsi ad un colloquio di due ore con il Premier Renzi. È avvenuto ieri sera ed oggi le ipotesi si sono sprecate: cosa si saranno detti?

L’ipotesi Presidente della Repubblica

Difficile vedere Prodi al Quirinale. Dopotutto già nel 2013 ci era arrivato molto vicino ma i famosi 101 parlamentari del PD che gli volsero le spalle fecero decadere il suo nome che poi non è più stato preso in considerazione. E visto che Prodi è una persona seria, proprio pochi giorni fa ha dichiarato di non essere disposto a farsi bruciare di nuovo e che dunque non era interessato alla presidenza. Ma si sa, a Prodi non dispiacerebbe davvero diventare Capo dello Stato dopo essere stato Presidente del Consiglio per due volte, specialmente perché la sua elezione darebbe un colpo al cuore al suo eterno rivale, Silvio Berlusconi, che vorrebbe chiunque al posto di Napolitano, tranne Prodi.

A spingere per la sua nomina ci sono l’ala sinistra del PD, quella guidata da Civati, appoggiata dalla “vecchia guardia” rappresentata da Bersani e Cuperlo; ma questa volta potrebbero appoggiarlo anche i rappresentanti del Movimento 5 Stelle, che in quelle famose elezioni avevano scelto il nome di Prodi come una sorta di “nome di scorta” dietro il loro preferito, Rodotà. Se le cose dovessero andare per le lunghe, non è detto che l’ala sinistra del Parlamento (considerando anche SEL e gli altri partiti fuori dal Governo) si allei con i grillini per dare un dispiacere a Berlusconi. A destra intanto è scattato il panico e i commenti dei principali rappresentanti mostrano il timore di vedere Prodi al Quirinale, ma per adesso Renzi rinvia questa possibilità. Lui vorrebbe mantenere buoni rapporti con Berlusconi e per adesso non supporta l’idea Prodi.

L’ipotesi Nazioni Unite

Ma se non hanno parlato della Presidenza della Repubblica, di cosa hanno parlato? In quanto inviato per l’Onu, ormai Prodi ha attualmente un incarico importante in ambito internazionale, e con Renzi di sicuro hanno parlato di Africa, della situazione in Medioriente e di Ucraina. Ma secondo i ben informati potrebbero aver parlato anche di qualcosa di più: di appoggiare Prodi come successore di Ban-ki moon alla presidenza delle Nazioni Unite. La figura di Prodi è ben vista in tutto il mondo, ed anche se al momento non si sa quanto sia possibile questa candidatura, forse questi sono i primi passi verso la possibile prima presidenza italiana in uno dei ruoli più importanti sullo scacchiere internazionale.

Potrebbe interessarti anche:

liberi e uguali

Liberi e Uguali: il programma per le elezioni 2018

Il lavoro è il principale punto del programma di Liberi e Uguali: i dettagli nella dichiarazione d'intenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.