Home / Sport / Calcio / Europa League 2014/2015: tutte le italiane qualificate

Europa League 2014/2015: tutte le italiane qualificate

qualificate italiane in europa league

Non è mai accaduto che le italiane nella “seconda” coppa europea, l’Europa League, facessero l’en-plein. Anzi, dal prossimo turno saranno addirittura 5 perché si è aggiunta a loro anche la Roma. Il calcio italiano è in crisi, questo è vero, ma andando ad analizzare le due competizioni scopriamo che solo l’Italia attualmente ha tutte le squadre ancora in ballo, mentre anche le fortissime Inghilterra, Germania e Spagna ne hanno persa per strada almeno una. L’ultimo exploit lo ha portato a casa ieri il Torino andando a segnare ben 5 gol in casa del Copenaghen. Ma analizziamo il cammino delle italiane e i possibili pericoli ai sedicesimi di finale.

Cominciamo proprio dal Toro che ieri sera ha vissuto una serata scacciacrisi. Dopo un periodaccio in campionato arriva il 5-1 a Copenaghen, non una partita facilissima per il clima e perché comunque i danesi lo scorso anno sono riusciti a mettere in difficoltà persino i cugini della Juve. Due gol di Martinez e poi Silva, Amauri e persino Darmian fanno a pezzi gli avversari, anche grazie alle due espulsioni comminate già nel primo tempo. E per poco i granata non ottengono il primo posto del girone, se non fosse che il gol vittoria del Brugges è arrivato a 2 minuti dal fischio finale. L’importante comunque era passare il turno.

L’Inter piena zeppa di rincalzi (Mancini non schiera nemmeno un titolare nell’11 iniziale, ma anzi dà spazio a 3 Primavera) chiude il girone dominato pareggiando contro il Qarabag una partita pressoché inutile visto che il primo posto era già in cascina. Ottima prova scacciacrisi anche per il Napoli che vince 3-0 contro lo Slovan Bratislava e strappa il primo posto del girone allo Young Boys; infine la Fiorentina, anche lei già qualificata come prima del girone, subisce la prima sconfitta in Europa League. Poco male comunque, il primato non era in pericolo e con soli 3 titolari non si poteva ottenere di più.

Negli altri gironi non ci sono state grosse sorprese. Le eliminate eccellenti sono state il St. Etienne e il Lille, ma quel che salta all’occhio è il disastro delle portoghesi e delle francesi, rimaste rispettivamente con due e tre squadre soltanto in tutte le coppe europee. Ma quali sono i rischi per le italiane? Considerando che non possono esserci derby (cioè le italiane non possono incontrare le altre italiane), ecco tutte le combinazioni:

  • Teste di serie: nel gruppo delle migliori sono state inserite, tra le italiane, quelle che hanno chiuso il girone al primo posto, ovvero Napoli, Inter e Fiorentina. Per loro il pericolo numero 1 si chiama Liverpool, club dalla storia immensa che però quest’anno ha tanti limiti tanto che ha rischiato persino di perdere il treno dell’Europa League. I pericoli principali arrivano da Oltremanica perché la seconda più pericolosa è il Tottenham. Da evitare, anche se non sono così tremende, Villareal e Siviglia. Difficoltà media per Celtic, Wolfsburg, Ajax e Anderlecht, mentre c’è da augurarsi di pescare una tra Dnipro, PSV, Young Boys, Aalborg, Guincamp e Trabzonspor.
  • Seconda fascia: in seconda fascia troviamo la Roma, retrocessa dalla Champions, e Torino che è arrivato secondo. Per loro i pericoli principali derivano da Sporting Lisbona, Olympiakos, Zenit e Athletic Bilbao; di media difficoltà sono il Borussia Moenchengladbach, Besiktas, Everton e Feyenoord, mentre le squadre migliori che possono capitare alle italiane sono, nell’ordine, Legia Varsavia, Dinamo Mosca, Dinamo Kiev, Salisburgo e Brugges.

Il sorteggio è previsto per lunedì 15 dicembre.

Potrebbe interessarti anche:

ranking uefa

Ranking UEFA 2017: l’Italia punta al secondo posto

Il ranking UEFA aggiornato alla fine del 2017 sorride all'Italia, mai così in alto da 10 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.