Come cambiare l’assicurazione dell’auto

di Onofrio Marco Mancini
1 commenti

cambiare assicurazione

Grazie alle nuove norme entrate in vigore negli ultimi anni, cambiare l’assicurazione dell’auto è diventato molto più semplice che in passato. L’intera disciplina sulle assicurazioni è stata semplificata, il tutto per permettere agli automobilisti di accedere ad un mercato più concorrenziale e, di conseguenza, risparmiare qualcosa. Se non siete soddisfatti della vostra compagnia assicurativa, per esempio perché troppo costosa o perché avete scoperto qualche clausola che non vi piace, potete liberamente cambiarla. Il contratto assicurativo infatti non è un “matrimonio” con la compagnia, ma potete disdirlo in qualsiasi momento.

Cambiare l’assicurazione dell’auto alla scadenza

Il metodo più semplice per cambiare l’assicurazione dell’auto è attendere la scadenza. Oggi per legge il contratto non può durare più di un anno, ma è possibile redigerlo anche per 6 mesi o con scadenze ancora inferiori. A differenza del passato, quando si rinnovava tacitamente, oggi non c’è bisogno di fare assolutamente nulla quando l’assicurazione è scaduta. Niente disdette o raccomandate, basta recarsi presso un’altra compagnia assicurativa e stilare un nuovo contratto. Diverso è il caso se il vostro contratto non è ancora scaduto.

Cambiare l’assicurazione dell’auto prima della scadenza

In questo secondo caso bisogna produrre un documento molto importante chiamato attestato di rischio. Per ottenerlo bisogna chiederlo alla propria compagnia assicurativa che non può opporsi, ma deve fornirlo per forza. In questo documento, che deve essere consegnato alla nuova agenzia a mano, per posta elettronica, posta tradizionale o fax, sono segnalati la nostra classe di merito attuale, la classe che sarebbe scaturita l’anno seguente, il numero di sinistri che si sono registrati negli anni in cui si è stati cliente di quella compagnia e la tipologia dei sinistri.

La richiesta di cambio dell’assicurazione prima della scadenza naturale va effettuata entro 30 giorni dall’effettiva fine del contratto. Inoltre vi consigliamo di controllare il contratto di assicurazione attuale per evitare brutte sorprese. Alcune agenzie infatti chiedono una penale per la rescissione del contratto, altre possono chiedere la riscossione dell’eventuale somma mancante anche se non siete più coperti da quella compagnia, quindi poi sta a voi effettuare i calcoli per capire se vi conviene rescindere l’accordo.

Una volta ottenuto l’attestato di rischio, basta portare il libretto di circolazione presso la nuova compagnia e stipulare il nuovo contratto. Ricordate sempre di farvi fare un preventivo chiaro prima di firmare, e di rispettare tutte le regole per risparmiare sull’assicurazione auto.

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche

1 commenti

Documento Unico di Circolazione: cos'è e cosa cambia 18 Settembre 2015 - 12:37

[…] ultimando, iniziata già nel 2012 dall’allora Governo Monti, la quale comporterà anche la dematerializzazione del tagliando dell’assicurazione che diventerà obbligatoria dal prossimo 18 ottobre 2015. Una banca dati nazionale terrà traccia […]

Rispondi

Lascia un commento