Ebola: il vaccino sperimentale funziona

di Paola Pagliaro
1 commenti

medici studiano ebola

Ottime notizie dal fronte del virus ebola. Dopo che nelle ultime 24 ore sono stati segnalati alcuni dati molto importanti, come il calo dei contagi in Africa e le condizioni del medico italiano infetto che sta migliorando, adesso arriva la notizia che tutti aspettavamo: il vaccino sembra funzionare. Più che vaccino, al momento bisogna parlare di “vaccino sperimentale” in quanto ha passato finora solo la fase 1 e per poter essere utilizzato sulla popolazione deve superare anche le fasi 2 e 3, ma siamo sulla buona strada.

La sperimentazione sta avvenendo in questi giorni negli Stati Uniti su 20 pazienti adulti e in buona salute, i quali hanno sviluppato gli anticorpi dell’ebola dopo l’iniezione del vaccino. Gli effetti collaterali sono stati quasi nulli: solo due infatti hanno fatto registrare febbre a 39 gradi, mentre per gli altri non ci sono state controindicazioni. Anche i test effettuati prima di quelli sugli esseri umani, quelli cioè sulle scimmie, avevano dato risultati positivi.

Adesso il vaccino denominato ChAd3 dovrà passare altre due fasi ed entrare in produzione. L’obiettivo è inviare nelle zone africane colpite dall’epidemia almeno 24 mila dosi in modo tale da limitare la diffusione del virus. Secondo i piani dei ricercatori tale obiettivo verrà raggiunto entro la fine del 2015.

La situazione del paziente italiano

Sta meglio invece il paziente italiano, il medico siciliano di Emergency che aveva contratto il virus in Sierra Leone. Arrivato due giorni fa allo Spallanzani di Roma dove viene seguito in un reparto appositamente allestito per l’ebola, ha già fatto registrare una diminuzione della febbre, scesa a 38,5 gradi, cammina, è autonomo e in buone condizioni, secondo lo staff dello Spallanzani che lo sta seguendo. L’aspetto più importante è che non ha mostrato altri sintomi della malattia e nemmeno segni emorragici, segno che evidentemente il suo corpo sta rispondendo bene alle cure. Finora il medico è stato curato solo con farmaci sperimentali che si stanno dimostrando efficaci.

Foto: Photl

Potrebbe interessarti anche

1 commenti

Ebola in Italia: i contagi registrati - M'informo 27 Aprile 2015 - 13:25

[…] il mondo Occidentale, ma ciò non significa che sia stata debellata, tutt’altro. Dopo la guarigione del medico italiano di Emergency dello scorso gennaio, l’Italia ha tirato un sospiro di sollievo, convinta di poter […]

Rispondi

Lascia un commento