Home / Animali / Cani / Cibo per cani e gatti: i falsi miti più comuni

Cibo per cani e gatti: i falsi miti più comuni

alimentazione animali

Quando si prendono animali domestici per la prima volta, si commettono inevitabilmente diversi errori. Tra questi il più comune riguarda il cibo. Alcuni pensano che ai cani si può dar da mangiare la pasta, altri che i nostri pets siano come una sorta di discarica ambulante alla quale si possono dar da mangiare gli avanzi. È vero che gli animali mangiano tutto ciò che gli diamo, ma lo fanno solo perché hanno una fiducia smisurata nei loro padroni. Esistono in realtà tantissimi falsi miti sul cibo per cani e gatti in cui molti di noi sono incappati almeno una volta nella vita. I più comuni li ha elencati l’Associazione Nazionale Medici Veterinari che li ha sfatati in un’intervista rilasciata a Repubblica.

Cominciamo proprio dall’errore che in molti fanno più comunemente, cioè dar da mangiare agli animali la pasta ed altri tipi di cibo che mangiamo noi. In molti infatti pensano che se quel cibo fa bene a noi, fa bene anche a loro. Secondo quello che spiega il dott. Marco Melosi infatti, gli animali hanno esigenze nutrizionali diverse dalle nostre. Una su tutte: il fatto che i cani hanno bisogno mediamente del doppio delle proteine che mangiamo noi e i gatti il triplo. Esistono ben 42 parametri legati al nutrimento e così, affidandosi solo al cibo fatto in casa, si rischia di fornire al nostro animale un’alimentazione non bilanciata che, alla lunga può comportare scompensi e malattie.

Molti commettono l’errore di pensare che il cibo per animali sia solo una trovata commerciale ma che in realtà contenga solo scarti alimentari. Anche questo è falso ed il dottor Pier Paolo Mussa ci rassicura, almeno per quanto riguarda il cibo prodotto nell’Unione Europea, perché deve seguire parametri qualitativi molto rigidi. Tra questi c’è persino l’obbligo di ottenere il cibo per cani e gatti da animali idonei al consumo umano. Vien da sé che è falso anche il mito dell’aggiunta di additivi o droghe, ma al massimo possono essere inseriti degli integratori come vitamine e oligoelementi.

L’importanza del cibo per cani e gatti apposito la dimostra anche la constatazione che mentre quarant’anni fa agli animali domestici veniva dato il cibo umano e vivevano mediamente 6 anni, oggi con il cibo industriale i cani ad esempio hanno un’aspettativa di vita di 12 anni: il doppio.

Fonte: Repubblica
Foto: Photl

Potrebbe interessarti anche:

dare le ossa ai cani

È sicuro dare le ossa ai cani? Un’analisi di benefici e rischi

Dare le ossa ai cani non sempre è una buona idea: ecco quali sono le più pericolose e come evitare rischi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.