Home / Rubriche / Letti e riletti / Luci di Natale, due racconti in attesa sotto l’albero

Luci di Natale, due racconti in attesa sotto l’albero

Luci di Natale Graphe.it Edizioni

Luci di Natale, in uscita il prossimo 26 novembre per la Graphe.it Edizioni, ci trasporta in due mondi che non potrebbero essere più distanti, uniti da una costante di tutti i tempi: l’attesa fiduciosa del compimento della gioia. Un’attesa che nel caso del Natale è costruita sapientemente intorno al miracolo del dono: dal regalo di una nuova vita al recupero di una religiosità primaria, dall’abbondanza di cibo al calore consolante della luce. Il primo dei due racconti, Il dono di Natale, opera di Grazia Deledda, è ambientato nella Sardegna bucolica dei primi del Novecento. Il secondo, A.D. 2953, nato dalla penna di Daniele Mencarelli, trova il suo scenario in un futuro dominato da un’umanità ormai immortale.

La narrazione della Deledda si snoda lungo un tempo dilatato dal desiderio di scoprire i doni del Natale, anticipati da promettenti odori, sorprese appena accennate,  misteri che devono ancora compiersi. A casa di Felle Lobina, pastore di undici anni, ultimo di cinque fratelli, fervono i preparativi per la cena di Natale che sarà anche una festa di fidanzamento per la loro unica sorella. Il piccolo Felle vive quest’attesa in modo frenetico, con irrequietudine, cercando di accelerare i minuti che lo separano da ogni genere di delizia e dall’appagamento della sua vorace curiosità. Felle ha infatti saputo che i suoi vicini di casa stanno aspettando un dono superiore, misterioso, che fa impallidire persino il banchetto di fidanzamento che si sta svolgendo nella casa accanto.

Il racconto di Mencarelli si svolge in tutt’altro scenario: nell’anno 2953, quando il genere umano ha oltrepassato i confini della sua forma mortale, sostituendosi a Dio e combattendo duramente contro ogni forma di superstizione. Argo Antimi, 126 anni, è uno dei soldati più agguerriti coinvolti nella battaglia alle antiche credenze. La notte di Natale il gendarme si imbatte in un covo di superstiziosi eversivi: una famiglia composta da padre, madre e due figli. Dopo aver annientato la madre, Argo Antimi permette controvoglia al capofamiglia di vegliare il figlio più piccolo, gravemente malato, prima di consegnare tutti ai gendarmi. Ma proprio nell’attesa si compie un miracolo che sconvolgerà le loro vite, uccidendo le forme di razionalità più violente, quei sentimenti di onnipotenza trasformati dagli umani immortali in un misticismo freddo, decisamente più pericoloso di qualsiasi incrollabile fede nel compimento del bene.

In entrambi i racconti il finale è dominato da un’esplosione di gioia liberatoria. Dopo la trepidante attesa i doni finalmente si rivelano a chi crede e a chi vive nel dubbio, permettendo a tutti di saziarsi fisicamente e spiritualmente. Tutto si fa puro, luminoso, magicamente reale. É il Natale, il giorno di gioia che arriva, indistintamente, per tutti coloro che sanno attendere.

 

[colored_box color=”blue”] Titolo: Luci di Natale
Autori: Daniele Mencarelli; Grazia Deledda
Editore: Graphe.it Edizioni
Collana: Natale ieri e oggi, 2
Pagine: 62
Pubblicazione: 2014
ISBN: 9788897010715
Prezzo: 5 euro
[/colored_box]

Potrebbe interessarti anche:

Parolacce: il saggio di Natale Fioretto rivaluta il turpiloquio

Le parolacce nascono per dare voce a stati d'animo senza filtro, inesprimibili senza un punto di rottura con il linguaggio ortodosso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.